Ritorna a risplendere il Ciborio Ligneo della chiesa madre di Petralia Soprana




Il restauro conservativo è stato realizzato con l’indennità del sindaco Pietro Macaluso.

Petralia Soprana – E’ ritornato al suo vecchio splendore il Ciborio ligneo della Chiesa Madre. L’opera del 1721, realizzata di Giuseppe Bencivinni da Polizzi Generosa, è stata oggetto di restauro conservativo sia nella parte strutturale che decorativa. L’intervento si è potuto realizzare grazie alla sensibilità del sindaco Pietro Macaluso che ha destinato una parte dell’indennità percepita nella legislatura appena trascorsa.

 

I lavori sono stati eseguiti dalla ditta Alaimo e Gulino di Gangi. “ Il restauro – spiegano i tecnici – ha rappresentato anche un’importante occasione di studio del ciborio, splendido testimone di arte barocca. Critiche erano le condizioni conservative: particolarmente compromesso l’assetto strutturale, a causa dei cedimenti degli elementi ammalorati e la delicata doratura, realizzata con foglia d’oro zecchino, in diverse aree staccata dal supporto, rischiava di cadere. Le impegnative fasi di consolidamento – continuano Alaimo e Gulino – hanno garantito la trasmissione dell’opera alle generazioni future mentre le operazioni di pulitura l’hanno liberata dallo spesso strato di sporco e dai numerosi residui di cera restituendo all’opera l’originaria bellezza.”

 

“Un altro bene della comunità ritorna a risplendere – afferma Don Calogero Falcone, parroco della Parrocchia SS. Apostoli Pietro e Paolo.  Ringraziamo il benefattore che ha voluto ridare luce a questa splendida opera presente della Chiesa Madre riportandola al suo splendore”. 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!