Diffamarono il candidato termitano di Fratelli d’Italia Giuseppe Di Blasi: condannati quattro grillini




Il Tribunale di Termini Imerese ha emesso una condanna contro quattro militanti del M5s che nel 2017, in occasione della campagna elettorale per le regionali in Sicilia, avevano scritto commenti su Facebook in diversi post contro l’allora candidato all’Ars di Fratelli d’Italia, Giuseppe Di Blasi.

Gli attivisti “grillini”, infatti, nel commentare alcune foto o appuntamenti elettorali del Dirigente nazionale di FdI, non si erano risparmiati di esprimere certezze su presunte connivenze del candidato con ambienti mafiosi, scrivendo di interessi illeciti da tutelare e di comportamenti illegali.

Di Blasi presentò querela, contro gli sconosciuti frequentatori del web. E adesso è arrivata la condanna del Tribunale di Termini Imerese per quattro persone, una quinta aveva chiesto la messa alla prova.

Secondo Giuseppe Di Blasi “i social sono pieni di diffamatori, che non si rendono conto, nel migliore dei casi perché nel peggiore lo fanno con cattiveria, delle affermazioni violente e offensive che fanno. La mafia è una montagna di merda, ma lo è anche chi cerca di infamare l’avversario politico per avere la meglio”. L’esponente di FdI sottolinea il fatto che i condannati non erano persone da lui conosciute: “Mai visti e in alcuni casi non vivevano nemmeno in provincia di Palermo, con questa gente la querela, la giustizia, è l’unica arma che il politico onesto ha per tutelare la propria onorabilità”.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scrivi alla redazione!