Polizia: fermati a Palermo due soggetti presunti responsabili di reati legati alla ricettazione




La Polizia di Stato nel corso della stagione estiva e più precisamente dall’inizio di agosto ha incrementato il pattugliamento del territorio, soprattutto nella zona del centro storico cittadino, anche in virtù del notevole afflusso turistico che in questo periodo dell’anno interessa il capoluogo.

I servizi di prevenzione e controllo del territorio rafforzato disposti dal Questore della Provincia di Palermo, Leopoldo Laricchia, sono, tra l’altro, volti ad incrementare i controlli al fine di scongiurare il verificarsi di episodi criminosi e di esercitare un’efficace ed incisiva azione deterrente e di prevenzione.

L’attività degli Agenti ha come obiettivi principali il controllo di veicoli e l’identificazione di soggetti, che specialmente nelle ore serali e notturne possono apparire sospetti, nonché quello di evitare che episodi delittuosi possano essere portati a compimento.

L’attività di prevenzione ordinariamente svolta dalle volanti dell’ Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico è dunque incrementata almeno da tre equipaggi sui turni serali e notturni che presidiano le vie del centro cittadino.

Anche grazie a questa mirata attività sono stati individuati e denunciati in stato di libertà  due soggetti con precedenti di polizia presunti responsabili del reato di ricettazione.

In particolare, nel corso di un intervento, gli Agenti del commissariato di P.S. Oreto Stazione venivano contattati da una donna che riferiva di aver subito il furto della propria borsa mentre si trovava nei pressi di un noto luogo di ristoro e di aggregazione giovanile nel cuore della Vucciria.

La vittima mentre interloquiva con gli Agenti riceveva sulla propria utenza telefonica la segnalazione di  due transazioni di pagamento effettuate in due differenti esercizi commerciali attraverso le quali si riusciva a pervenire al percorso intrapreso dal malvivente. Le suddette transazioni, infatti, erano riconducibili ad una donna che dalle descrizioni fornite dai dipendenti degli esercizi commerciali interessati veniva intercettata in una via del centro cittadino.

All’ atto del controllo di Polizia la stessa risultava in possesso della carta di credito provento di furto.

Alla luce dei fatti emersi, veniva pertanto denunciata in stato di libertà per ricettazione e indebito utilizzo di strumenti di pagamento e la carta è stata restituita alla proprietaria.

In un altro episodio una cittadina ha segnalato la presenza di persone sospette a bordo di un’ autovettura parcheggiata sulla pubblica via in zona san Lorenzo, gli Agenti del commissariato di P.S. San Lorenzo nell’immediato si recavano sul luogo segnalato intercettando i due soggetti corrispondenti alle descrizioni fisiche fornite.

Insospettiti dall’ atteggiamento indisponente e per nulla collaborativo dei due soggetti, gli operatori procedevano ad un controllo più dettagliato constatando che i loro iniziali sospetti non fossero infondati.

All’ interno dell’ autovettura infatti nel portabagagli si rinvenivano 2 catalizzatori di autovetture, 1 seghetto alternativo completo di due batterie, 1 chiave a crick , 7 lame, oggetti di cui gli stessi non sapevano giustificare il possesso; inoltre, da accertamenti esperiti successivamente gli oggetti risultavano infatti provento di furto.

Alla luce di quanto descritto, i due soggetti sono stati indagati in stato di libertà per i reati di ricettazione e possesso ingiustificato di attrezzi atti allo scasso

Giova precisare che gli  indagati  sono, allo stato, indiziati in merito ai reati contestati e che la loro  posizione sarà definitiva solo dopo l’emissione di una, eventuale, sentenza passata in giudicato, in ossequio al principio costituzionale della presunzione di innocenza 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scrivi alla redazione!