Palermo: più di duecento fiocchi per ritrovare la felicità, la storia dell’ex fioraio Gaspare Tuzzolino

Un ringraziamento speciale va a Danilo Dolce per averci dato modo di scoprire questa storia con una segnalazione

Condividi questo articolo



Palermo, Foro Italico, zona Cala, precisamente al nautico. Chi passa da queste parti può fare un incontro davvero speciale, ovvero conoscere una persona insolita ma simpatica: il signor Gaspare Tuzzolinoche davent’anni ha scelto di vivere per strada,in unaroulotte,  rinunciando a tutti gli agi,disposto a tutto pur di ritrovare una certa “serenità”,in maniera del tutto alternativa,riappropriandosi della sua libertà personale, dei suoi spazi, della suavita.

Riduci da una separazione alle spalle con la moglie, decidi quasi come reazione di diventare uno “spirito libero”.

«Voglio stare tranquillo» , ci dice più volte il bizzarro signore, in risposta al perché ha scelto di vivere in una roulotte. Gaspare sta bene così e lo sottolineano le scritte sistemate alla sua nuova casa.

Seppur nella sua vita precedente facesse il fioraio e sia proprietario di altri appartamenti, ha fatto con decisione questa scelta e l’ha portata avanti, senza voltarsi indietro. Non vuole altre abitazioni dove stare se non questa. Ne è convinto.

Anche se i suoi figli ed anche i suoi nipoti gli avevano proposto più volte soluzioni alternative, lui non ha mai cambiato idea né ha voluto accettare gli inviti dei parenti. Così sono loro che vanno a trovarlo.

Gaspare ha ritrovato una certa “pace dei sensi” con questo nuovo stile di vita e di libertà che pensava di aver perso. Non gli importa in quanti possono comprendere o meno la sua scelta, diciamo pure anche coraggiosa.

Un modo alternativo di sopravvivenza in cui non tutti troverebbero un facile adattamento. Però, per l’ex fioraio palermitano è un ritrovare se stesso, per ogni giorno un mettersi alla prova, ma aspetti è anche uno scoprire della vita nei particolari e negli più sobri. Un soffermarsi, quindi, alle piccole azioni, un vivere davvero con se stessi senza preoccupazioni nè responsabilità. 

Certamente non mancheranno – in un contesto di totale silenzio in cui ci si trova così appartati, isolati da tutti gli affetti – momenti di particolare e maggiore solitudine , di più pensieri intimi, ma a volte, la meditazione con se stessi, l’introspezione, a creare in alcune persone livelli di stabilità e di equilibrio ritrovat oltre che di maggiore conoscenza delle proprie capacità. 

Spesso è un’abitudine giudicare troppo senza sapere, senza conoscere davvero, senza ben approfondire la realtà che vive una persona. A volte si prendono decisioni drastiche quando si è incompresi, soprattutto dagli altri, quando non ci si sente spesso capiti come si vorrebbe. Chissà. Molti probabilmente diventano tipi solitari proprio per questo .

«Tutto forse diventa un attaccarsi al tempo, al suo scandire, all’occupare spazi di sé, più momenti a quel giorno per chiuderlo al meglio».

Per rendere più accogliente la sua casa Gaspare ha realizzato con le sue mani più di 200 fiocchi colorati.  Per lui vuole essere simbolo di gioia, tranquillità, serenità ritrovata. Allo stesso tempo, richiamano la vivacità della Sicilia: fiori, prati, agrumi, profumi, architetture.

Per occupare il suo tempo, Gaspare Tuzzolino , coltiva delle piante all’esterno della sua quattro ruote mobili, in inverno si dedica anche alla cura di ortaggi. Ci mostra, con molta simpatia, con quanta capacità ed abilità riesce ad intrecciare un fiocco. Si anima di entusiasmo e carica di gioia nel realizzarlo.

 Una personalità estroversa la sua, era abituato al rapporto diretto con la gente avendo questa attività di fioraio alle spalle. Infatti, ama le visite di chi lo va a trovare affettuosamente mostrando come si è abituato a vivere con fierezza. Si trova a suo agio infatti, si sa ben rapportare, si racconta anche.

La sua nuova casa vuole presentarsi accogliente non solo per se stesso ma diventa pure originale anche per i passanti che si soffermano a guardarla curiosi.

Non è importante delle volte dove si vive ma lo è apprezzare la vita nei suoi aspetti essenziali autentici. Ci sono dei momenti bui nella vita che si attraversano ma la cosa importante è riscoprire la bellezza del vivere e, allo stesso tempo, del riscoprirsi.  

Diventa un toccasana il ricominciare , il rinascere, il vedere tutto con altri occhi. Bello quando si diventa nuovamente curiosi, attenti, capaci nel cogliere vari aspetti che si hanno attorno come se fosse la prima volta. 

 

Il guardare un sole sorgere o tramontare, il bagnarsi i piedi sulla riva del mare, passeggiare in montagna respirando aria pura, osservare in un luogo tranquillo il canto della natura nella sua grandezza, non è poesia ma è vedere la vita nel suo reale aspetto primordiale . In questo caso sarà stato un voltare completamente pagina per Gaspare , ma sarà stato vivere una seconda volta .

L’intervista video a Gaspare Tuzzolino

Le foto:

Himeralive.it-20220715_233038

Immagine 1 di 7


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.