Sequestrati oltre 400 mila articoli potenzialmente pericolosi: sanzionato un cittadino di nazionalità cinese



 

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania hanno sottoposto a sequestro oltre 400 mila articoli, tra cui accessori per la persona, accessori decorativi e adesivi decorativi “made in Cina”, potenzialmente pericolosi per la salute degli acquirenti e hanno segnalato alla locale Camera di Commercio l’amministratore di una società di Misterbianco (CT) per l’erogazione di sanzioni amministrative fino a 30.000 euro.

In particolare, nell’ambito dell’apposito piano di controlli in materia di sicurezza prodotti, i militari della Compagnia di Catania hanno acceso i riflettori sugli articoli posti in vendita privi delle relative indicazioni riguardanti la loro composizione e utilizzo.

Nella circostanza, le Fiamme Gialle hanno individuato un’attività commerciale insistente nel territorio di Misterbianco, gestita da un soggetto di nazionalità cinese, il quale ha immesso in vendita nel mercato italiano articoli privi delle prescritte informazioni circa i prodotti. Gli stessi infatti risultavano sprovvisti di avvertenze come la presenza di materiali pericolosi, la tipologia di materiale utilizzato per la loro produzione nonché le indicazioni in lingua italiana.

Il sequestro si riferisce, quindi, ad articoli che avrebbero potuto causare seri danni alla salute dei potenziali acquirenti.

Peraltro, è importante considerare che l’immissione in commercio di un così considerevole numero di prodotti illeciti a prezzi altamente concorrenziali avrebbe influito negativamente nell’economia legale del settore, creando ulteriori difficoltà in un periodo storico non certo facile per gli onesti imprenditori.

L’intervento si è quindi concluso con il sequestro di oltre 400 mila articoli non sicuri e la contestuale segnalazione alla Camera di Commercio di Catania del responsabile, per la messa in commercio di prodotti in violazione degli obblighi previsti dalle direttive europee e italiane in materia di indicazioni minime da fornire ai consumatori.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.