Democrazia partecipata Termini Imerese: la proposta dell’Archeoclub Himera per valorizzare il ponticello medievale sul torrente Barratina

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO LA LETTERA DEL PRESIDENTE ARCHEOCLUB ITALIA HIMERA, ROSA LO BIANCO

Condividi questo articolo



Gentili Concittadine e Concittadini,

Democrazia Partecipata è lo strumento per coinvolgere la cittadinanza per la scelta di azioni di interesse comune. In pratica, il legislatore ha voluto dare la possibilità ai Cittadini di decidere la destinazione di una parte delle somme trasferite dalla Regione Siciliana, al nostro Comune, per l’anno corrente, nei limiti del 2%. A tal fine, il Comune ha pubblicato un Avviso, invitando la Cittadinanza a formulare proposte operative, nell’ambito delle quali sarà effettuata la scelta, a maggioranza dei votanti.

1

Immagine 1 di 3

Le proposte ritenute valide da parte dell’Amministrazione Comunale sono due, in particolare:

  1. Ponticello Medievale sul torrente Barratina;
  2. Rocchiceddi Lab.

Il progetto riguardante il Ponticello Medievale è stato presentato dalla sede dell’Archeoclub d’Italia Himera  di cui mi onoro di rappresentare, e si articola come di seguito:

Il ponticello medioevale che scavalca il torrente “Barratina”, tra la via Sen. E. Battaglia e il largo delle Concerie, rappresenta una delle emergenze architettoniche, storiche e artistiche “particolari” di Termini Imerese.

Purtroppo, come capita sovente, non ha avuto riconosciuto la valenza che merita, quasi nascosto com’è, dal lato della  via  Sen. Battaglia, dal piccolo fabbricato di proprietà comunale, già sede di un’attività di riparazione pneumatici (oggi definitivamente chiusa) e, dal lato del largo delle Concerie, dai rami bassi di uno degli alberi che costeggiano il torrente.

Il tutto, condito da uno stato pietoso di abbandono dell’area circostante, dalla carenza di manutenzione del selciato, dall’insufficiente servizio di pulizia e dalla limitata illuminazione nelle ore serali e notturne.

In uno dei lati del manufatto, esattamente quello che fa angolo con la via Rocco Chinnici, da tempo immemorabile sorge una caratteristica edicola votiva, dedicata a Sant’Antonio. Anch’essa bisognosa di adeguati interventi di restauro.

La proposta presentata dall’Archeoclub della città delle Terme, in collaborazione con altre  associazioni (Proloco e Legambiente) con cui si condividono intenti e progetti,   formulano   i seguenti interventi  progettuali:

  • abbattere il piccolo fabbricato, di nessun interesse storico e artistico, risalente a non prima della metà del secolo scorso, per “liberare” il ponticello, che potrà essere pienamente ammirato anche da chi percorre la via Sen. Battaglia;
  • ripristinare il selciato, per garantire il comodo transito dei pedoni, che saranno invogliati a  utilizzare la struttura per il passaggio da una sponda all’altra del torrente, evitando un percorso molto più lungo, in mezzo al traffico automobilistico;
  • restaurare l’edicola votiva, salvaguardando l’originario stile;
  • ridurre il fogliame che sovrasta il ponticello che non consente l’adeguato spargersi della luce del faro installato nei pressi;
  • realizzare un impianto di illuminazione con “lampade da terra” a LED, a ricarica fotovoltaica, per tutta la lunghezza del ponte;
  • installare, ai due ingressi del ponte, appositi dissuasori verticali in pietra calcarea, della stessa tipologia utilizzata per la costruzione del ponte, con appositi varchi per il transito di carrozzelle di disabili e bambini.

In conclusione, con la somma disponibile, sarà:

  • recuperato un originale elemento decorativo;
  • creato un punto di richiamo turistico non usuale all’interno del centro storico (qualcosa di simile, sia pure di maggior prestigio storico, è il noto “Ponte dell’Ammiraglio” a Palermo);
  • resa disponibile per i Cittadini un’infrastruttura che agevola gli spostamenti pedonali.

 

Alla luce di quanto descritto sopra ti invito a votare il progetto A

La scelta si potrà effettuare con le seguenti modalità:

-tramite mail – protocollo@comune.termini-imerese.pa.it

 

-tramite indirizzo di posta elettronica certificata: protocollo@pec.comuneterminiimerese.pa.it

 

-tramite consegna a mano presso l’Ufficio protocollo del Comune di Termini Imerese, sito in piazza Duomo .

 

Per esprimere la propria preferenza (progetto  A) è necessario indicare

  1. Tramite mail o pec avente per oggetto : DEMOCRAZIA PARTECIPATA 2022 – PROGETTO A e dovrà essere allegata soltanto la copia della carta d’identità in corso di validità, non sarà ritenuta valida la patente di guida.

Saranno escluse le mail o pec che riporteranno un oggetto diverso da quello sopra indicato e che non saranno corredate dal documento di identità.

  1. Tramite consegna a mano : Presentare copia del progetto scelto, allegato alla presente, accompagnato dalla copia del documento di identità, non sarà ritenuta valida la patente di guida. Saranno escluse le istanze che non rispetteranno i criteri sopra descritti.

Riteniamo di avere formulato una proposta valida e utile e, pertanto, vi chiediamo di sostenerla con il vostro voto, ma anche coinvolgendo i vostri familiari ed amici.

Con l’occasione, vi chiediamo di darci suggerimenti affinché l’Archeoclub d’Italia Himera possa fare sempre meglio, nell’interesse di tutti.

Si allega Progetto A

Ti ricordo che si potrà esprimere il voto entro il Lunedì 13 giugno entro le ore 14:00

Certa di un tuo contributo Ti ringrazio anticipatamente per aver condiviso la Nostra iniziativa.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.