Assolto termitano accusato di violenza sessuale, la Corte d’appello ribalta la sentenza di primo grado

scritto da:

Redazione



Assolto il termitano C.V., 31 anni,  accusato del reato di violenza sessuale nei confronti di J.B. 21 anni. Il tribunale di Termini Imerese – in composizione Collegiale presieduta dal Dott. Alcamo Vittorio e composta dal Dott. Gregorio Balsamo e dal Dott. Luigi Bonacqua –  aveva condannato alla pena di anni tre e mesi quattro di reclusione, al pagamento delle spese processuali, all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e all’interdizione legale per la durata di anni cinque.

I fatti risalgono al 2014 quando la presunta vittima del reato di violenza sessuale, allora minorenne, denunciava il C.V., che allora aveva 25 anni, per aver subito violenza sessuale e, precisamente: “spingerla contro una macchina, stringerle il seno ed essere costretta a subire un atto sessuale consistito in un rapporto vaginale da tergo”.

La Corte d’Appello di Palermo – sezione terza – presieduta dal Dott. Napoli,  ha ribaltato la sentenza di condanna recependo la ricostruzione della difesa del C.V., avvocato Claudia Di Gati, ed assolvendo il C.V. da ogni accusa a lui mossa. 

La ricostruzione dei fatti,così come rappresentati dalla parte offesa, sembrerebbe infatti incompatibile con un atto di violenza sessuale.

 
Avv. Claudia Di Gati

La difesa del sig. C.V., avv. Di Gati, si ritiene «soddisfatta rispetto alla sentenza di assoluzione emanata dal collegio della terza sezione della Corte d’Appello presieduta dal Dott. Napoli, che in un caso così delicato e per un reato cosi difficile da porre allo scrutinio del decidente, abbia avuto l’attenzione e la cura giusta nello stabilire che il fatto non sussiste. Si attendono 90 giorni per il deposito delle motivazioni».


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *