Raccontiamo la storia delle navi dell’imperatore Caligola



Quando si sente il ​​nome Caligola quasi certamente si visualizza un imperatore romano mentalmente instabile con un incredibile appetito per le perversioni ma non parleremo della sua dissolutezza, ma del suo amore per due navi speciali che aveva costruito per celebrare la sua Dea preferita, la Dea Diana.
Il Lago di Nemi, in latino: Nemorensis Lacus è un piccolo lago vulcanico circolare nel Lazio, a 30 km a sud di Roma. Ha una superficie di 1,67 km2 e una profondità massima di 33 metri. Nei tempi antichi il lago era conosciuto come “Specchio di Diana” perché il riflesso della luna sul lago di Nemi poteva essere perfettamente visto da un tempio costruito sulla riva. Un ruscello scorreva nel lago Nemi da una sacra grotta vicino al tempio. Questo flusso era associato alla ninfa delle acque chiamata Egeria. Sia Egeria che Diana sono le prime forme del mito della Madonna del Lago. La Signora del Lago era intimamente connessa con il guardiano del sacro bosco di querce di Diana. Venne chiamato Rex Nemorensis, il Re dei Boschi, il cui ruolo era di proteggere il santuario di Diana a Nemi. Situata sui lati opposti del lago e in cima alle pareti del cratere, si trova la città di Genzano che fu dedicata dai Romani alla dea Cynthia, un culto associato a quello di Diana Nemorensis e Nemi, che non esisteva in epoca romana. Il nome Nemi deriva dal latino nemus Aricinum (boschetto di Ariccia). Durante il culmine dell’Impero Romano l’area intorno a Genzano fu utilizzata come santuario dai ricchi cittadini romani per la sua aria pulita, l’acqua incontaminata e le temperature più fresche durante i caldi mesi estivi. La situazione conferisce al lago il suo microclima e lo protegge dal vento dalle pareti del cratere. Goethe, Lord Byron e Gounod vissero tutti a Nemi e videro il meraviglioso riflesso magico della Luna nel centro del lago durante l’estate.
La prima domanda da porsi è perché Caligola si sia impegnato così tanto nella costruzione di queste stupende navi. Alcuni pensano che Caligola le costruì per dimostrare ai potenti governanti di Siracusa, in Sicilia, e ai regnanti tolemaici in Egitto che Roma poteva eguagliare qualsiasi lussuosa nave da diporto che esistesse altrove.
Progettò e ordinò la costruzione di due grandi chiatte , progettate per essere le più lussuose del mondo ellenistico. Una doveva essere utilizzata come opulento tempio galleggiante per Diana Nemorensis e l’altro era stato progettato per essere alimentato da remi e agire come un palazzo galleggiante dove Caligola, la sua corte e gli ospiti potevano indulgere indisturbati nelle loro varie depravazioni.

FB_IMG_1631608591519

Immagine 1 di 3

Queste due grandi chiatte erano costruite in legno di cedro decorato, ricche sculture in marmo, vasi in oro e argento. I pavimenti erano ricoperti di mosaici, le finestre e le cornici delle porte erano in bronzo, e molte delle decorazioni erano considerate quasi inestimabili. Le navi erano anche adornate con viti e alberi da frutto che davano una sensazione naturale e ariosa.
Sono state scoperte alcune caratteristiche ingegneristiche avanzate inaspettate, molte delle quali hanno utilizzato variazioni di cuscinetti a sfera in piombo o bronzo nelle gare in legno duro. Questi erano probabilmente usati sulle navi di Nemi per permettere alle statue degli dei di ruotare o per operare con i verricelli.
Caligola dedicò la nave più grande che aveva costruito, per la dea Diana. Questa enorme nave fu decorata nello stile di uno dei suoi palazzi, ma trasposta sul lago e con un tempio speciale in onore di Diana. Pavimenti in mosaico di marmo multicolore, avorio intarsiato su pareti e porte, riscaldamento, impianti idraulici e bagni erano presenti in entrambe le navi. L’acqua calda o fredda scorreva attraverso i tubi di piombo incisi con il nome di Caligola e le sculture in bronzo abbondavano.
Caligola sembrava ossessionato dal sacro lago di Nemi e venerava la dea Diana: un tempio di Diana era stato costruito in un boschetto di querce sulle rive del lago di Nemi, e ogni volta la luna piena illuminava il boschetto Caligola appariva con le braccia protese implorando la sua amata Diana di venire da lui.
Le chiatte o navi Nemi a fondo piatto erano eccezionali, ma non erano state progettate per muoversi autonomamente. Erano attaccate, alle due estremità, alla riva da catene e ponti che si estendevano sull’acqua in modo che persone e merci potessero viaggiare avanti e indietro. La più grande delle Navi misurava 73 di lunghezza e 24 di larghezza e quella più piccola misuravano 70 metri per 20 metri. La seconda nave, anche se assolutamente sontuosa, era meno ricercata e fu usata, principalmente, per intrattenere e traghettare i suoi ospiti sulla nave più grande.
Secondo alcuni resoconti storici non corroborati, le navi di Caligola erano le scene di crudeli orge, omicidi, musica e sport e presumibilmente spendeva gran parte della fortuna ereditata da suo zio Tiberio per creare il suo rifugio di fantasia a Nemi.
Molte persone hanno ipotizzato che le navi di Nemi fossero dedicate puramente di piacere, ma il grande commentatore romano Plinio il Giovane non era d’accordo. Disse che dal momento che il lago di Nemi era sacro, la legge romana proibiva alle navi di navigare su di essa. Tuttavia, Plinio sostenne che Caligola aveva ricevuto un’esenzione religiosa per le sue navi. La maggior parte dei romani non si oppose a Caligola nella costruzione delle sue navi sul lago di Nemi e i cittadini di Roma, grandi capi militari e visitatori delle province e terre conquistate vennero ad ammirare e indulgere nei piaceri delle navi di Caligola.
Contrariamente alla credenze popolari sul regno di Caligola, inizialmente è descritto come un governante nobile e moderato per almeno i primi due anni del suo regno, e poi qualcosa è cambiato e le registrazioni si sono concentrate sulla sua presunta crudeltà, stravaganza e perversità sessuale quasi come se aveva sofferto di un rapido esaurimento nervoso.
Il 21 gennaio 41 d.C venne assassinato Caligola, la guardia pretoriana dichiarò lo zio di Caligola, Claudio, come imperatore.
Dopo l’assassinio di Caligola, il Senato e la Guardia Pretoriana distrussero e annientarono tutto ciò che era connesso a lui, per “damnatio memoriae”, comprese le sue preziose navi che essi saccheggiarono e affondarono, cariche di sassi.
I pescatori tramandarono i ricordi delle navi Nemi di Caligola ai loro discendenti, alcuni giurando che potevano scorgere i profili oscuri delle navi nelle profondità del lago Nemi. Le navi furono effettivamente sepolte nel fango a 200 metri di distanza.
Le leggende delle navi di Caligola affondate, piene di favolosi tesori sono state raccontate da generazioni di cittadini del Lago di Nemi. Per secoli i pescatori locali considerava le chiatte affondate di Caligula i punti di riferimento locali nel lago Nemi, e alcuni esploravano i relitti e prendevano piccoli tesori da loro, ma fu solo nel Medioevo che qualcuno tentò di esplorare seriamente e forse sollevare le leggendarie navi di Caligola.
Ma l’effettivo recupero delle navi avvenne sotto il regime di Mussolini con un opera di ingegneria di svuotamento del lago, purtroppo le navi bruciarono in un incendio alla fine della seconda guerra mondiale in circostanze poco chiare, nel museo fatto costruire appositamente per conservarle.
Ad oggi si possono ammirare due versioni in scala 1/2 conservate al Museo delle Navi Romane di Nemi.





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *