Cantiere Popolare e Noi con l’Italia, le due forze di centro per una Sicilia che auspica al cambiamento



Nel centro congressi dell’Addaura Hotel di Palermo si sono tenuti ieri pomeriggio gli stati generali di Cantiere Popolare, alla presenza di amministratori e dirigenti di partito, provenienti da tutta la regione, che quotidianamente lavorano sul territorio. L’iniziativa è stata organizzata con l’intento di porre in evidenza gli aspetti programmatici della forza centrista anche in vista delle prossime scadenze elettorali. Resta fermo che le criticità si continuano a registrare nel settore degli investimenti e conseguentemente nella difficoltà a creare nuovi posti di lavoro. Solo attraverso un dialogo continuo e costruttivo con il Governo Musumeci, in quest’ultimo anno e mezzo di legislatura, si potranno individuare le priorità programmatiche da sottoporre al vaglio degli elettori.

In prima linea la parola cultura per una nuova visione degli aspetti turistici ed economici della nostra Regione. La costituzione di tavoli tematici per il rilancio delle nostre innumerevoli risiede artistiche, culturali, architettoniche e paesaggistiche. Un invito al Presidente Musumeci per una rinnovata tutela dei nostri beni che devono trovare spazio all’interno del nostro patrimonio da salvaguardare.
Un altro tema d’interesse è l’agricoltura da valorizzare con un fondo d’investimento per l’aiuto agli operatori del settore.
A cura di tutti sono gli invalidi e tutte quelle migliorie socio-sanitarie che possono garantire il pieno rispetto della dignità del diversamente abile, grazie ad un costante dialogo con la Regione Siciliana.
Non mancano i numerosi interventi che sollecitano al costante lavoro sul territorio, con una grande discussione per la costruzione di un centro destra che riparta dalla periferia verso i palazzi istituzionali e di governo.
Pertanto abbiamo sintetizzato e messo in evidenza i tratti più salienti che tale iniziativa.
Non sono mancati gli argomenti a lungo dibattito sulla riforma della giustizia e sulla formazione aperta a tutti coloro che vogliono partecipare in maniera attiva alla messa in opera dei movimenti politici.





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *