Il COISP ricorda l’omicidio per mano della mafia del Commissario Giuseppe “Beppe” Montana

scritto da:

Redazione



Il 28 Luglio del 1985 cadeva per mano della mafia, a soli 34 anni, il Commissario Giuseppe “Beppe” Montana.
Fu il fondatore, insieme al Vice Questore Ninni Cassarà, della sezione “catturandi” della Squadra Mobile di Palermo, cui si deve, tra l’altro, l’arresto della maggior parte dei 475 mafiosi coinvolti nel maxi-processo istruito dai Giudici Falcone e Borsellino.

Il 28 luglio di 36 anni fa, il giorno prima di andare in ferie, venne ucciso a a colpi di pistola da Giuseppe Lucchese, mentre era con la fidanzata a Porticello, frazione di Santa Flavia, nei pressi del porto dove era ormeggiato il suo motoscafo.

Il suo assassinio fu il primo di una scia di omicidi mafiosi che quell’estate avrebbero colpito al cuore la Polizia di Stato  e insanguinato Palermo

Il COISP lo ricorda e gli rende onore





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *