“I cavaleri di Ruccedda” vince nella sezione vernacolo la VI edizione del concorso internazionale di poesia e narrativa “Città di Cefalù”

In memoria di tre giovani operai di Campofelice di Roccella Antonio Catanese, Nicola Cortina e Giuseppe Restivo

Condividi questo articolo



In un clima di emozione e commozione l’opera di Giovanni Canzoneri “I cavaleri di Ruccedda” vincono il primo premio nella sezione vernacolo alla VI edizione del concorso internazionale di poesia e narrativa “Città di Cefalù”. 

Un evento culturale  con circa prestigioso: 800 opere in concorso e 400 concorrenti che di anno in anno cresco grazie alla credibilità che assume l’evento culturale. Presenti alla premiazione oltre 300 persone, alla presenza del Sindaco Rosario Lapunzina e dell’assessore Francesca Mancinelli. Ha presentato la manifestazione Katiuska Falbo, l’evento è stato curato e diretto dal Presidente del Premio Antonio Barracato. (Tutti nella foto a destra).

Cinque le sezioni: lingua italiana, vernacolo, corto poesia, video poesia, narrativa, opere provenienti da tutta l’Italia (premiati presenti circa 80 + 6 premi eccellenza siciliana e 2 alla carriera.
Presidente di Giuria: Maria Teresa Rondinella, con Giuseppe Maggiore, Anna Laurà, Antoniella Marinaro, Giusy Randazzo, Rita Di Martino, Salvina Mirenna, Pino Simplicio, Francesca Luzzio, Dorotea Matranga, Santa Franco, Francesca Caronna, Teresa Battaglia, Cinzia Matassa.
Visti i risultati ambiziosi ottenuti dall’evento, premio avrà di certo un importante futuro.

I cavaleri di Ruccedda – In memoria di tre giovani operai di Campofelice di Roccella Antonio Catanese, Nicola Cortina e Giuseppe Restivo

Stu cuntu chi vi vaju a riccuntari,
parra di chianti e vuccati amari,
di tri picciotti, la tragica sorti,
ca, pì ‘nu pezzu di pani, truvaru la morti.

È il 4 aprile del 1982, domenica delle Palme. A Campofelice di Roccella, un delizioso paesino poco distante da Cefalù, un timido sole appare da dietro il mare turchese, rendendolo dorato.
È il 4 aprile del 1982, quando all’Afem (Acciaieria Ferriera Mediterranea), si consuma la tragedia.
Tre giovani operai, Antonio Catanese, Nicola Cortina e Giuseppe Restivo, vengono investiti da una colata di ferro fuso.

Squagghia ‘u ferru ‘ntà quarara,
squagghia e pari viva lava,
squagghia e scinni, niru ‘nvernu,
russu ‘u ciumi di lu ‘nfernu.

E la notti addimura,
senti ‘u mari tra li mura,
duci ‘u ciavuru di li ciura,
d’a primavera, la friscura.

Trizzi ‘i palmi …a lu ventu,
lu draguni fa l’avventu,
sbuffa, sgracca e poi lanza,
focu e lava di la panza.

A Ninuzzu, lestu, ‘nvesti,
squagghia ‘a carni sutta ‘i vesti,
di ddù lanzu, arresta ‘mpitratu,
comu si Circi l’avissi taliatu.

Ma lu ‘nfernu ‘un si stagghia,
scinni jusu, tuttu squagghia,
ammogghia Peppi e ‘mpari Cola,
su di focu ddì linzola.

Li cumpagni vuci e scantu,
su d’aiutu, mutu chiantu,
e Ninuzzu, dici a iddi,
<’Na vasata p’i picciriddi>.

I soccorsi, quella notte, non giunsero. Verranno trasportati dai compagni con le proprie auto presso l’ospedale di Termini Imerese e successivamente trasferiti con l’ambulanza al centro dei grandi ustionati dell’ospedale Civico di Palermo.
Il capo acciaierie dichiarerà di aver chiamato l’ospedale di Cefalù e che questi si rifiutarono di dare soccorso. Cosa smentita dall’ospedale affermando di non esser mai stati allertati.
Antonino Catanese, morirà all’indomani della tragedia. Giorni dopo, Giuseppe Restivo e Nicola Cortina.

Quannu passu di ddà strata,
votu, a iddi, ‘na talìata,
cu lu cori li salutu,
arristannu zittu e mutu.

A mia piaci ‘mmaginari,
‘ntà ddì mura ‘nfacci ò mari,
c’arrisorgunu filici,
comu l’Araba Finici,

e cummattunu ddù draguni,
servu ‘nfami d’u patruni,
senza scantu, pussenti e fieri…
…di Ruccedda cavaleri.

 





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *