Polizia: sottoposti a fermo dieci motorini elettrici manomessi, indagati giovani “disturbatori” con musica a palla



Gli agenti della Polizia di Stato in servizio presso il commissariato di Polizia Mondello, hanno sottoposto a fermo amministrativo circa una decina di motorini elettrici privi di targa e copertura assicurativa. Tali mezzi, soprattutto durante il periodo estivo, si vedono spesso circolare nella borgata marinara di Mondello condotti da minori privi di dispositivi di protezione (caschi) e documenti di circolazione, che percorrono anche contromano il lungomare e le zone pedonali, mettendo a repentaglio l’incolumità dei passanti.

I mezzi sottoposti a fermo amministrativo, in seguito agli accertamenti tecnici già operati dalla locale Motorizzazione Civile, sono risultati tutti manomessi così da essere assimilati a dei ciclomotori. Al contrario dei monopattini possono raggiungere velocità apprezzabili e non necessitano dei pedali che infatti talvolta sono anche rimossi.

Malgrado siano commercializzati formalmente come biciclette elettriche trattasi invero nella sostanza ed anche esteticamente di ciclomotori alterati utilizzati da giovani privi di patente di guida e spesso gravati da pregiudizi di polizia. Oltre che in stato di fermo, i mezzi sono stati sottoposti a sequestro amministrativo finalizzato alla confisca poiché risultavano non tracciati e privi di qualsivoglia documento e/o carta di circolazione.

L’assenza della targa, inoltre, rende problematico il rintraccio dei conducenti e la stessa identificazione del mezzo, che risulta sistematicamente privo di copertura assicurativa. Sanzioni amministrative per migliaia di euro verranno elevate a carico dei proprietari di siffatti veicoli. Inoltre in seguito a diversi esposti per disturbo della quiete pubblica dei residenti durante le consuete attività di controllo presso i parcheggi Mongibello di questa via Tolomea sono stati denunciati a piede libero alcuni giovani che improvvisavano una sorta di discoteca all’aperto alzando in modo intollerabile il volume degli impianti stereo delle loro mini car, uno dei quali è stato sottoposto a sequestro penale.





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *