Droga in provincia di Palermo: due arresti dei carabinieri



L’incessante attività di contrasto ai reati in materia di sostanze stupefacenti svolta dai Carabinieri della Compagnia di Carini ha consentito di mettere a segno due arresti e tre denunce in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio.

Un diciottenne residente a Cinisi è stato infatti sorpreso dai militari mentre cedeva una dose di cocaina a un acquirente: la successiva perquisizione domiciliare ha portato al rinvenimento di 52 grammi della stessa sostanza, insieme a materiale vario per il taglio ed il confezionamento e oltre 1600 euro in contanti, ritenuti provento della pregressa attività di spaccio e posti in sequestro insieme alla droga.
L’arresto del giovane, già noto alle forze dell’ordine, è stato convalidato dal G.I.P. di Palermo che ha disposto per lui la custodia cautelare presso la casa circondariale “Lorusso-Pagliarelli” di Palermo. Insieme al diciottenne, sono state denunciate in stato di libertà tre persone sorprese all’interno della stessa abitazione. L’acquirente è stato invece segnalato alla Prefettura di Palermo, in qualità di assuntore.
La sostanza sequestrata verrà campionata ed analizzata dal competente laboratorio del Comando Provinciale di Palermo: la stessa, se immessa sul mercato al dettaglio, avrebbe fruttato oltre 3000 euro.
Un altro arresto è scattato a Carini, dove i militari della Compagnia, con la determinante collaborazione del Nucleo Carabinieri Cinofili di Palermo Villagrazia, hanno rinvenuto a casa di una 32enne carinese quasi 600 grammi di marijuana, nonché una pianta di cannabis. L’arresto della donna, già nota alle forze di polizia e accusata del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, è stato convalidato dal G.I.P. di Palermo, che ha disposto la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di residenza. Il valore sul mercato della sostanza sequestrata, che verrà sottoposta alle rituali analisi qualitative e quantitative, si sarebbe aggirato intorno ai 6000 euro.





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *