Giovanni Bonomo, pittore “Caccabensis” del XVIII^ sec

Un video-documentario di MARIANO BARBARA

Condividi questo articolo



Giovanni Bonomo nasce a Caccamo intorno al XVIII secolo. E’ attivo a Caccamo, Termini Imerese, Palermo e probabilmente anche a Noto.

A Termini Imerese, per la chiesa del Monastero di S. Chiara dipinge, nel 1733,  la tela di S. Francesco che consegna la Regola a S. Chiara e una Madonna della Catena nel Santuario affidato ai Padri Cappuccini. La pinacoteca del Museo Civico “Baldassarre Romano” di Termini Imerese custodisce il bozzetto del Bonomo caccamese, raffigurante S. Francesco che consegna la Regola a S. Chiara, preparatorio della tela di uguale soggetto nella chiesa del Monastero di S. Chiara, il cui restauro, nel 1990, è di Angelo Cristaudo da Acireale. E’ da attribuire pure a Giovanni Bonomo la tela raffigurante la Morte del Beato Agostino giacché, come ipotizza la studiosa Elvira D’Amico, l’artista lavorò per la Congrega dei Preti assistenti i moribondi, che la stessa  Congrega donò alla Parrocchia della Consolazione in cui aveva sede. La tela raffigurante la Vergine e il Beato Agostino Novello tra i Santi Calogero, Marina e Rosalia, firmata Joannes Bonomo e datata 1735, nell’atto di intercedere in favore della città di Termini e la Buona Morte (attr.), della prima metà del XVIII secolo, sono custoditi nel Museo Civico “Baldassarre Romano”.

Se vuoi saperne di più guarda il video





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *