L’opera dei pupi della famiglia Canino, di Francesco Viola

Un libro presentato in video da MARIANO BARBARA

Condividi questo articolo



Francesco Viola, docente di lettere a Bologna, è esperto in didattica speciale e interprete Lis. Si è occupato di storia delle tradizioni popolari locali a Partinico (Palermo) e di teatro tradizionale siciliano, sia d’attore (Angelo Musco, Giovanni Grasso, Gilberto e Alessandro Idonea) sia di figura (Opera dei pupi).

…………………………

“L’opera dei pupi della famiglia Canino” di Francesco Viola, Edito da Patron Editore  di Bologna nel marzo del 2020. Sono 160 pagine arricchite da una splendida documentazione fotografica a colori, con foto anche dei nostri Michele Longo e Angelo Casà. La copertina, raffigurante due paladini della collezione Canino, è un acquerello di Giuseppe Piscitello.

Pubblico questo inserto video, perché buona parte del libro è dedicata a don Nino Canino, il maestoso puparo di Termini Imerese, nato nel 1870, e sia al nipote pure lui Nino Canino, detto il cavaliere, nato a cavallo tra il 1928 e il 1929

Don Antonino Canino senior  gestiva il teatrino dell’Opera dei Pupi in un pianterreno di Termini bassa (in D’Asaro ora via Ferrara)

Faceva tutto lui: la testa e gli arti dei paladini, le armature, gli elmi, gli scudi e le sottanine; dipingeva le scene, i teloni ed i cartelloni reclamistici che venivano rizzati sul muro della strada.

Se vuoi saperne di più guarda il video.





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *