Termini Imerese: sfrattati gli anziani dal centro ricreativo comunale, protestano le associazioni di volontariato

IL comunicato delle ASSOCIAZIONI
AIPD – IPUMM – LA GOCCIA – LEGAMBIENTE – MONTE EURAKO – NUOVA AURORA – NUOVA SPERANZA

Condividi questo articolo



Apprendiamo che il 28 aprile viene comunicato all’Associazione Anteas-Cisl la revoca dei locali in concessione presso l’ex mercato ittico, con una delibera della Giunta comunale del 19 aprile con esecutività quasi immediata, entro 15 giorni l’associazione deve liberare i locali. Un vero e proprio sfratto senza alcun preavviso. L’Anteas-Cisl svolge un’attività ricreativa e culturale per gli anziani della parte bassa della città che nei locali dell’ex mercato ittico hanno trovato un punto di riferimento per trascorrere, con attività socializzanti, buona parte della giornata. Contestiamo il metodo utilizzato, neanche ad un affittuario moroso si danno termini così perentori, che non sono opportuni per un’associazione di volontariato che ha fornito servizi per i quali il comune non è in di grado provvedere. Non mettiamo in dubbio che i locali debbano essere utilizzati per fini di pubblica utilità, pare che debbano essere destinati a un museo del mare finanziato da un consorzio (di cui fa parte anche il nostro comune) in cui la nostra città, fra l’altro, ha un ruolo marginale. Siamo fermamente convinti che istituire un museo del mare sia una buona idea per lo sviluppo turistico della nostra città. Rimaniamo attoniti per la mancanza di discussione con l’associazione e soprattutto perché non si è cercata una soluzione alternativa per circa 120 anziani che si ritroveranno senza un luogo di aggregazione. Crediamo che la crescita di una comunità passi attraverso una coesione sociale dove le persone più fragili, tra questi gli anziani, vengano sempre tutelati in un processo di socializzazione in cui i valori di solidarietà, condivisione, di empatia, di sostegno siano alla base di una civiltà democratica. Auspichiamo quindi che l’amministrazione comunale convochi al più presto i soci dell’Anteas-Cisl per trovare al più presto una valida alternativa per non lasciare indietro nessuno e dare dignità a centinaia di anziani che si sono visti togliere un punto di aggregazione così importante per la parte bassa della città da troppo tempo abbandonata a se stessa.

LE ASSOCIAZIONI
AIPD – IPUMM – LA GOCCIA – LEGAMBIENTE – MONTE EURAKO – NUOVA AURORA – NUOVA SPERANZA





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *