“A Targa Florio”: la poesia di Antonio Barracato in video



A TARGA FLORIO

Don Vincenzu ai tempi era un personaggiu nobili
appassionatu di cursi d’automobili.
No 1906 a Targa Floriu ci vinni menti
e sta so idea fu veramenti brillanti
e ca purto in Sicilia scuderie ‘mportanti
di tanti nazioni differenti.
U circuitu era longu e tortuosu
ma divintò no munnu assai famusu.
Tanti paisi eranu ‘nteressati
e di sta cursa arristaru ‘namurati,
Parteva di tribuni di Cerda pi Caltavuturu
scinneva di Isineddu, Collesanu e Campofelici
durava menza jurnata e ni faceva felici.
U misi di Maggiu s’addumavunu i mutura
e arrivavanu machini di ogni forma e misura,
di piloti ni passaru tanti
e ni lassaru priziusi ricordi dintra a menti.
Stu mumentu magicu ni pigghiava a testa
e divintava pi tutti na gran festa.
Fimmini , anziani e picciriddi
eranu ne strati di sti paiseddi
aspittavunu di viriri a Ferrari
ca ri dda aviva a passari.
Ninu Vaccarella era u currituri chiù amatu
pi tanti vittori ca a nostra terra aveva regalatu.
Puru Cicciu Libertu è di ricurdari
pi li scarpi di cursa ca vosi ‘nvintari
pi tanti curritura ca lu seppiru apprizzari.
Ormai passò tantu tempu di quannu virevi sfecciari
a pochi passi u bolidi ca pareva vulari
e ti sintevi a peddi arrizzari.
Quantu culura e quantu mutura
viremmu passari ammenzu sta natura.
Sti mumenti ca ni ficiru sugnari
unni stancamu mai di ricurdari.
Oggi cuntamu sulu a storia
e ristamu bramusi di tanta gloria.

Antonio Barracato





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *