L’arcivescovo di Palermo mons. Corrado Lorefice positivo al Covid

LA PREGHIERA DEI FEDELI DELLA PARROCCHIA DI SANT’ANTONIO DI PADOVA DI TERMINI IMERESE

Condividi questo articolo

L'arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice



L’Arcivescovo di Palermo Mons. Corrado Lorefice è risultato positivo al tampone per l’identificazione del virus COVID-19.

Le sue condizioni di salute non destano alcuna preoccupazione e l’Arcivescovo è costantemente monitorato così come prevedono i protocolli sanitari specifici. Negli ultimi giorni Sua Eccellenza non ha presieduto celebrazioni pubbliche, né effettuato incontri, preferendo lavorare via web.

Il messaggio dell’Arcivescovo

Carissime, carissimi,
come in una famiglia dove si condividono gioie e trepidazioni, desidero essere io a comunicarvi che sono risultato positivo al test del coronavirus Covid-19.
In questi mesi ho attraversato accanto a molti di voi una circostanza che per tanti si è purtroppo rivelata particolarmente dura e dolorosa, ma come ho sempre detto la ‘bella’ fede che condividiamo ci sostiene serenamente nella speranza.
In questi giorni mi sottoporrò agli esami clinici e radiologici del protocollo sanitario previsto per iniziare subito la terapia.
Certo del vostro affetto – per me motivo costante di gratitudine al Signore – invochiamo insieme Maria nostra Madre e nostra Sorella, esperta custode di speranza e di pazienza. A Lei e a S. Rosalia affidiamo quanti in questo tempo di prova sono afflitti da questo subdolo
virus, per le loro famiglie e per quanti si spendono per la salute di tutti, con infaticabile passione e con amore.
Aspettando con fiducia di tornare presto anche ‘fisicamente’ tra di voi, vi benedico di cuore.
Grazie per la vostra attenzione Luigi Perollo
Vostro don Corrado

Il messaggio della parrocchia di Sant’Antonio di Padova di Termini Imerese

Carissimi Fratelli e Sorelle il nostro Arcivescovo Don Corrado Lorefice è risultato positivo al Covid-19.
Preghiamo per lui affinché Gesù lo assista in questo periodo di tribolazione.





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *