Il liceo artistico “Gregorio Ugdulena” di Termini Imerese finalista al concorso nazionale New Design 2021



La scuola ha partecipato con un progetto di architettura dal titolo Telescopio sul paesaggio. Le tavole grafico-progettuali dell’opera finalista saranno esposte a Venezia in una mostra il prossimo mese di ottobre. Il progetto è stato realizzato nell’ambito del Laboratorio di architettura dall’alunno Francesco Priolo sotto la guida del professore Giacinto Barbera.  Vi hanno collaborato la professoressa di Storia dell’Arte Marcella Moavero, per la consulenza storico-artistica, e il tecnico di laboratorio Claudia Catalano.

francesco-priolo

Immagine 1 di 4

 “Il concorso nazionale New Design  – afferma Barbera – è rivolto agli studenti dei Licei artistici al fine di promuovere la cultura progettuale nell’ambito dell’istruzione artistica e per sollecitare i giovani alla creatività, all’innovazione e dunque alla sperimentazione”.

Il tema affrontato quest’anno dal concorso, è stato Concordia civium murus urbium, ed ha permesso di trattare la tematica dell’apertura della città verso la natura. È stato preso come riferimento  – dice Francesco Priolo – quel corpo turrito che diviene elemento di collegamento tra una città, quella degli Effetti del buon governo in città e in campagna di Ambrogio Lorenzetti, assieme al paesaggio circostante, riflesso dell’armonia della vita cittadina”. Il progetto ha previsto l’ubicazione di un’architettura realizzata sfruttando un basamento in cemento armato già esistente in una zona boschiva che crei un forte senso di armonia con la natura intorno.

“Tale struttura – continua il professore Barbera – nasce dal dinamico percorso ascendente della scala che conduce il visitatore, attraverso la visione di vari scorci, ad ammirare in sommità l’intero paesaggio. Il superamento delle barriere architettoniche è garantito da un montascale per esterni. La parte a sbalzo della struttura, punto di vista privilegiato sul paesaggio, ricorda un telescopio. La copertura è destinata a pannelli fotovoltaici per alimentare dei corpi illuminanti pensati per creare, all’imbrunire, una sorta di Abat-jour visibile da lontano”.

 “Sono stato felice di partecipare a questo concorso; grazie all’aiuto del professore Barbera e di tutti i collaboratori – dice il giovane alunno – si è ottenuto questo importante risultato”. In merito, la dirigente dell’Istituto, Patrizia Graziano: “Sono ben lieta e orgogliosa del fatto che il nostro Liceo artistico, per il secondo anno, arrivi finalista in un concorso nazionale; questo dimostra che i nostri alunni affrontano un percorso di studi serio e rigoroso; ancora una volta il liceo artistico termitano si è segnalato per quel che produce e per le attività creative di grande valore artistico”.





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *