Caccamo: una panchina rossa per Roberta nella sua scuola



Una panchina rossa per Roberta. Una panchina rossa nella sua scuola, a pochi passi dai banchi che ha vissuto come studentessa, tra i suoi compagni, con i suoi docenti.
Una panchina rossa per testimoniare che Roberta è stata e sarà sempre una alunna di quelle scuole di Caccamo che l’hanno vista crescere, gioire, studiare, preoccuparsi, vivere.
Il posto di Roberta è ancora tra loro, nel suono della campanella, nelle corse per la ricreazione, nell’ansia di un’interrogazione. Roberta c’è e sarà sempre con voi: con i compagni, gli amici, i professori e con tutti coloro che hanno avuto il privilegio di essere, anche per pochi attimi, parte della sua vita.

L’Amministrazione Comunale ringrazia quanti hanno organizzato e realizzato il toccante e autentico momento di questa mattina: la preside Patrizia Graziano e tutto il corpo docente del Liceo delle Scienze Umane e IPSSEOA Alberghiero di Caccamo, il Lions Club Termini Host nella persona del presidente e di tutti i soci.

Un sentito apprezzamento a tutti quelli che sono intervenuti nel corso della cerimonia: ai rappresentati della società civile, dell’Arma dei Carabinieri, del clero e delle associazioni; a Domenico e Maria Concetta Guzzardo per le loro straordinarie esibizioni musicali; ai ragazzi che hanno emozionato i presenti con pensieri, parole, suoni autentici.

E alla famiglia di Roberta, ancora una volta presente con eccezionale contegno, grazie. Roberta è e sarà sempre una giovane cittadina di Caccamo.





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *