Fullone (Fratelli d’Italia): “Il sindaco Terranova non risponde in aula alla interrogazione sull’impianto di pubblica illuminazione”

IL COMUNICATO STAMPA DEL GRUPPO DI FRATELLI D’ITALIA

Condividi questo articolo



Dopo quasi due mesi, ieri è iniziato un Consiglio Comunale con un Ordine del giorno caratterizzato da una sola Delibera presentata dalla Amministrazione (peraltro, ritirata e non votata) e ben 10 fra mozioni e interrogazioni presentate dai Consiglieri su tematiche importanti e di grande interesse per la collettività, sulle quali sarebbe sempre importante confrontarsi.
La capogruppo di Fratelli d’Italia Licia Fullone ha esposto un’interrogazione sull’illuminazione pubblica per sapere in che modo, con quali finanziamenti e in che tempi l’Amministrazione intenda intervenire per riparare, ammodernare ed efficientare un impianto che versa ormai in gravi condizioni.
Il Sindaco Terranova evita il confronto e rimanda ad una futura risposta scritta da parte degli Uffici.

“Ho protocollato l’interrogazione il 15 marzo, dopo avere appreso che il Sindaco ha dato indirizzo agli Uffici di elaborare un Progetto di fattibilità relativo all’impianto di illuminazione pubblica che è stato poi inserito nel Piano triennale delle Opere pubbliche 2021/2023, in sostituzione del Project Financing già approvato dalla Amministrazione Giunta e dal precedente Consiglio comunale – chiarisce Licia Fullone. Mi aspettavo che il Sindaco spiegasse i motivi di opportunità politica, efficacia progettuale ed economicità per i quali ha sostituito un progetto, pronto per essere messo a bando e appaltato, con uno studio di fattibilità per il quale sarà invece necessario trovare i finanziamenti, sia per arrivare alla progettazione esecutiva, sia per effettuare i lavori.
Prendiamo atto e ci rammarichiamo del fatto che il Sindaco evita il confronto in Consiglio comunale, predilegendo le dirette Facebook dove può raccontare quello che vuole in assenza di contraddittorio”.

Il documento integrale:

Himeralive.it -Documento (16)





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *