Cefalù: tornano a protestare le categorie produttive, il 17 marzo sit in in piazza Duomo

Il comunicato stampa del comparto turistico-produttivo

Condividi questo articolo
unesco



-Turismo e Miseria-

A Cefalù chi viveva di turismo stagionale oggi non vive più.

Da più di un anno le categorie economicamente colpite dalle conseguenze della pandemia sono sempre le stesse.

Abbiamo attinto anche ai nostri ultimi risparmi e ci siamo indebitati per cercare di sopravvivere fino ad oggi e non far morire, assieme alle nostre attività, tutto l’indotto e la filiera a noi collegati.
Per sostenere le nostre famiglie e quelle dei nostri collaboratori.
Adesso abbiamo finito tutto, anche la speranza.

Ci è rimasta solo la dignità.
Quella di chi non si vuole rassegnare al fallimento e non può accettare l’idea di buttare via anni e anni di duro lavoro .

L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, ma questo diritto, per Noi sembra non esistere più.

Ristori farsa e tasse incalzanti che come una spada di Damocle pendono sulle nostre teste.

Noi non abbiamo più risorse per andare avanti.

Adesso quest’ultimo smacco.
L’ennesimo, ingiustificato “Limbo” Arancione che di fatto penalizza, ancora una volta , sempre gli stessi, Sacrificabili, comparti produttivi.

Strutture Ricettive, Ristoratori, Commercianti, Artigiani e tutti coloro CHE lavorano, in maniera diretta o indiretta col turismo, sono in ginocchio da troppo tempo ormai. Molti di loro non si rialzeranno mai più.

Chiediamo Ristori concreti, immediati e adeguati, una tassazione proporzionale alla stagionalità e almeno un anno fiscale bianco.

Ma più in generale maggiore attenzione  per un settore, quello del Turismo e dell’hostitality, che in Sicilia rappresenta il vero motore dell’economia.
La vera eccellenza che il mondo ci invidia e che ora rischia di soffocare nella colpevole indifferenza di chi ci governa.

Tutto ciò è inaccettabile.

Per questo le associazioni:
Federlaberghi , A.R.C.H. (Associazione Ristotatori Cefalù ho.re.ca.), Cefalù Com (commercianti ), Cefalù Extralberghieri, le Guide Turistiche e altri operatori di settore,

Mercoledì 17 marzo in Piazza Duomo a Cefalù dalle ore 10 un sit in di protesta per manifestare tutto il loro sdegno Per una situazione ormai al limite della tollerabilità. 





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *