Il parroco di Caccamo don Domenico Bartolone e la Caritas con i suoi volontari al fianco dei malati di Covid

VA AVANTI DA UN ANNO IL PROGETTO “CACCAMO UNITA”

Condividi questo articolo



Non si ferma la solidarietà a Caccamo. Da circa un anno va avanti il progetto a sostegno dei caccamesi malati di Covid e di tutti coloro che necessitano di aiuto a causa della crisi scaturita dall’avanzata del Coronavirus anche nel nostro territorio. L’iniziativa è a cura del parroco della chiesa di Maria Santissima Annunziata, don Domenico Bartolone, sempre in prima linea a sostegno dei meno fortunati.

L’hanno chiamato “Caccamo Unita”, il progetto che recita: “Tutti uniti per non sentirsi soli – Solidarietà e vicinanza per i concittadini colpiti dal Covid”. Sono settanta le famiglie che ricevono sostegno dal parroco Bartolone e dagli instancabili volontari della Caritas del paese.

«Un ringraziamento va ad Angela Vecchio, suo marito Antonio Elia, Giuseppe Dioguardi e a tutti i volontari della Caritas che ogni giorno ci aiutano in questo cammino a sostegno di chi è solo, di chi soffre, di chi è malato – ha affermato padre Domenico Bartolone -. Da circa un anno ci occupiamo di distribuire la spesa, pasti caldi e saturimetri, ma la cosa più importante è quella che riusciamo ad essere vicino a chi si sente solo, anche con una preghiera recitata a distanza, sotto ai balconi. La chiesa è presente oggi più che mai, soprattutto in questi giorni in cui si è registrato un incremento della curva epidemiologica, abbiamo pensato di intensificare la nostra presenza, così quasi ogni sera ci troviamo fuori dalle porte dei malati e di tutte le famiglie che sosteniamo per non fare sentire il senso di solitudine. Sono i piccoli gesti, una preghiera che danno la speranza a chi è in difficoltà, per trovare così la forza di lottare e superare questo drammatico momento che colpisce al cuore tutti». Per informazioni è possibile collegarsi alla pagina Facebook “Caccamo Unita” o chiamare ai numeri 3293919371/ 3500711526.





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *