Omicidio Caccamo, i legali della famiglia Siragusa: “Non preoccupi il silenzio, è la condizione per lavorare bene”

L’avvocato Giuseppe Canzone: “Non preoccupi il silenzio, è la condizione migliore per lavorare bene”

Condividi questo articolo

scritto da:

Redazione



«In una fase delicata come quella delle indagini preliminari, ove vige l’obbligo della segretezza, è necessario sapere attendere e avere fiducia nell’operato degli investigatori, unici soggetti legittimati a potere svolgere le indagini». Con queste parole l’avvocato Sergio Burgio, legale della famiglia di Roberta Siragusa, insieme all’avvocato Giuseppe Canzone, spiega le motivazioni che hanno portato alla scelta del “silenzio” e del massimo riserbo sullo stato delle indagini per far luce sull’efferato omicidio della giovane diciassettenne di Caccamo.

«I Carabinieri della Compagnia di Termini Imerese e del RIS di Messina non si sono mai fermati e continuano in modo professionale a svolgere le investigazioni. Molti si interrogano: perché non se ne parla più sui giornali o nelle trasmissioni televisive, cosa è successo, come finirà?
Questo triste evento ha certamente destato l’attenzione da parte di tutta l’opinione pubblica per le modalità dell’accadimento,

per la giovane età di Roberta – ha aggiunto l’avvocato -. Mediante l’esercizio del diritto di cronaca l’opinione pubblica ha appreso notizie, particolari a volte anche non rispondenti al vero: ho avuto modo di leggere un articolo, qualche giorno addietro, su un giornale settimanale a diffusione nazionale, dove il giornalista virgolettava alcune frasi che, a suo dire, gli avrebbe riferito la madre di Roberta – continua il legale -. Tutto falso, nessuna intervista era stata rilasciata al giornalista e giammai la madre di ROBERTA aveva proferito quelle frasi.
Ecco perché i familiari di Roberta continueranno a restare in silenzio, chiusi nel loro dolore, in attesa di venire a conoscenza dell’esito delle complesse indagini affinché venga fatta chiarezza e resa giustizia alla loro amata Roberta.
Arriverà ben presto la fase processuale in cui gli atti di indagine saranno resi ostensibili alle parti e ai loro difensori e, allora, da qual momento faremo sentire la nostra voce e potremo confrontarci in un’aula di Tribunale.
Solo dopo questa fase potremo anche confrontarci, con fatti alla mano, anche con i giornalisti, con coloro che esercitano il sacrosanto diritto di cronaca, seppur con le dovute limitazioni che la deontologia forense e il codice di procedura impone a noi Avvocati – ha concluso Burgio -.
Ecco perché sino a quel momento la famiglia Siragusa mi ha espressamente manifestato il desiderio di mantenere il massimo riserbo su tutta questa triste vicenda». 

 





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *