La Regione consegna un nuovo mezzo all’associazione Rigenerha di Montemaggiore Belsito FOTO



Nell’ambito della manifestazione di consegna di 100 mezzi alle organizzazioni di volontariato che hanno vinto il bando di assegnazione per il potenziamento della colonna mobile della Protezione civile, è stato assegnato un mezzo anche all’associazione Rigenerha di Montemaggiore Belsito, guidata dal presidente Vincenzo Pace e dal vice presidente Andrea Muscarella.

“Con grande orgoglio tutti noi volontari abbiamo il piacere di comunicare a tutta la comunità di Montemaggiore Belsito e dei Comuni limitrofi che oggi (08/02/2021) è stato consegnato alla nostra associazione un Mitsubishi L200 da parte del Dipartimento di Protezione Civile della regione Siciliana – si legge in una nota del gruppo Giovanile Rigenerha -. Il mezzo è dotato di modulo antincendio CAFS e attrezzatura all’avanguardia per un primo intervento. Questo ci permette di salvaguardare ancor di più il nostro territorio in caso di calamità naturali e dal rischio incendi d’interfaccia, impegnando personale volontario altamente qualificato. Ringraziamo quanti hanno creduto nel nostro operato e quanti lo hanno voluto valorizzare in questi lunghi 12 anni di attività. Ringraziamo il nostro sindaco Antonio Mesi e il comandante della Polizia Municipale e Responsabile dell’ufficio Comunale di PC Serafina Runfola per la costante attenzione e fiducia che ripongono in NOI, avendoci anche concesso un contributo per l’acquisto di adeguati DPI che a breve ci saranno consegnati – si legge ancora nella nota -. Un particolare ringraziamento va al nostro D.G Ing Salvo Cocina per essere stato sempre al fianco del volontariato e averne percepito le esigenze,ringraziamo tutti i funzionari del Dipartimento per il lavoro miticoloso svolto per far sì che oggi tutto riuscisse alla perfezione e per il supporto dato in quest’ultimo anno di emergenza sanitaria che ci ha visti impegnati in prima linea. Ringraziamo il presidente della regione siciliana, Nello Musumeci, per aver incentivato il sistema di Protezione Civile. Grazie, grazie, grazie a tutti voi per continuare a far sì che in noi rimanga vivo uno spirito di abnegazione che ci ha sempre contraddistinto”.

LE FOTO

IMG-20210209-WA0012

Immagine 6 di 6

SCHEDA TECNICA DEI MEZZI CONSEGNATI A PERGUSA

Sono 100 i mezzi che oggi a Pergusa, alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e del dirigente generale della Protezione civile regionale, Salvo Cocina, sono stati consegnati alle organizzazioni di volontariato che hanno vinto il bando di assegnazione per il potenziamento della colonna mobile della Protezione civile. 
Si tratta di due tipologie di Pick-up 4×4, doppia cabina, 180cv, connessi tra loro da un sistema ricetrasmittente veicolare di ultima generazione e dotati di gancio traino.

Cinquanta sono fuoristrada con modulo antincendio avanzato CAFS, per lo spegnimento dei fuochi tramite un mix di acqua e schiuma. L’altra metà è invece dotata di modulo ad acqua e pompa idrovora, utile quest’ultima a contrastare le conseguenze degli allagamenti.

Tutti i mezzi sono idonei a prestare supporto alle operazioni di spegnimento incendi dei Vigili del fuoco e del Corpo forestale della Regione. Con la consegna dei nuovi mezzi, resa possibile grazie ai fondi europei del POC Fesr 2014-2020 per un finanziamento di quasi 10 milioni di euro, viene raddoppiata la capacità di reazione del sistema regionale di Protezione civile in caso di calamità. I cento mezzi consegnati oggi si aggiungono infatti ai 116, acquistati nel 2008, attualmente in servizio su tutto il territorio regionale.

Responsabile unico del procedimento (Rup) è il capo servizio del volontariato della Protezione civile siciliana, Alberto Vecchio, mentre per la direzione dell’esecuzione del contratto (Dec) sono stati incaricati Enrico Azzia e Vincenzo Salanitri.

Dello staff del volontariato che ha organizzato l’assegnazione e la consegna delle auto fanno parte Giovanni Verga, Demetrio Crocco, Ignazio Margherone, Cinzia Arcidiacono, Angelo Ventura, Laura Leotta ed Eleonora Musumeci.

Giuseppe Mesi





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *