L’istituto comprensivo “Giovanni XXIII” di Trabia si unisce al dolore della famiglia di Roberta Siragusa



Anche la Comunità scolastica dell’I.C. “Giovanni XXIII” di Trabia si è unita al dolore della famiglia di Roberta
Siragusa, tragicamente scomparsa. Questa mattin nella sede centrale si è svolto, con un collegamento remoto, con Caccamo, l’ incontro/gemellaggio, voluto fortemente dalla Dirigente scolastica Prof.ssa Giusi Conti, e organizzato dalle docenti Marianna Piazza Marianna e Loredana Mantia, con la collaborazione delle colleghe Anna Callari e Marina Di Novo. Il collegamento ha avuto luogo con alcune classi dell’ I.C. Barbera di Caccamo in cui i ragazzi, attraverso uno scambio vicendevole di poesie, di riflessioni e di preghiere spontanee, hanno ricordato, con grande commozione, Roberta.

In concomitanza con la celebrazione dei funerali religiosi, tutto il personale scolastico si è unito in un momento commemorativo, osservando un minuto di silenzio, e scoprendo la scritta “ROBERTA VIVE”, impressa sulla panchina rossa, installata nello spiazzale della scuola, in ricordo di tutte le donne vittime di violenza.
La dirigente scolastica Giusy Conti, a conclusione del momento commemorativo ha dichiarato che “la scuola è uno dei luoghi privilegiati dal quale guidare la riflessione dei ragazzi, sorreggere il loro smarrimento, indicare i valori su cui fondare la loro esistenza: la parità di genere, il rispetto per la vita, il rispetto per sé e per gli altri, in questo tempo “strano”, in cui i piani, della realtà vera e di quella virtuale, sembrano confondersi. Ciò che è avvenuto rappresenti un monito quotidiano, uno stimolo – prosegue Conti-alla consapevolezza del valore di sé e al superamento della violenza di genere”.​





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *