Polemica commissione studi rifiuti: il comunicato della maggioranza, replica il consigliere Comella



Il comunicato della maggioranza consiliare 

Totò, Peppino e…l’opposizione (non tutta…).

Parliamo di cinema? Può darsi. Ennesimo consiglio comunale surreale fiume.
Sospensioni continue, atteggiamenti volutamente pretestuosi di parte dell’opposizione, distorsione continua della realtà, un atteggiamento poco consono durante i consigli comunali in cui ci si permette di utilizzare appellativi di sfottó verso il Sindaco e la Giunta, richiesta di messa ai voti del diritto di replica di un consigliere comunale attaccato direttamente, facendo leva sul numero dei voti detenuto in Consiglio.
Viva la democrazia a giorni alterni.

È stata proposta e votata una Commissione di Studio sul contratto del servizio di gestione dei rifiuti Dusty.
Bellissima iniziativa per approfondire la conoscenza di un contratto (a cui tutti i Consiglieri hanno, tra l’altro, già libero accesso).

Peccato che la delibera presentata fosse ingannevole e viziata essendo stata inizialmente descritta come priva di costi.
È bastato un nostro intervento a richiesta di chiarimento per fare sospendere i lavori consiliari, convocare d’urgenza la capigruppo, rinviare il consiglio comunale al giorno dopo per riformulare una delibera con 24.000 euro di costi a carico del bilancio comunale.
Certamente più interessante sarebbe stato approfondire il tema dei rifiuti nel suo complesso, ma questo avrebbe comportato dover ammettere le inefficienze della Regione Siciliana su tale tema; e trattare il tutto nella già esistente IV Commisione (ambiente) già esistente, senza costi aggiuntivi per il Comune. Ma tutto ciò agli “studiosi” evidentemente non interessa.

E ancora, è stata presentata una interrogazione sullo smaltimento del percolato della zona industriale da parte di Consiglieri appartenenti alla maggioranza delle amministrazioni passate, che mai avevano preso posizione su questo scempio e che adesso si scoprono preoccupati e insoddisfatti dell’operato del Sindaco che è l’unico che ha denunciato il tutto alla Commissione Ecomafie ed alla Procura della Repubblica di Termini Imerese assieme alle associazioni ambientaliste.

È di tutta evidenza che, per alcuni consiglieri di opposizione, liberarsi dai metodi del passato appare complesso.
Noi confidiamo e siamo sempre fiduciosi che prima o poi l’interesse a collaborare per il bene della nostra città prevalga, perché solo questo atteggiamento potrà portare a quei concreti benefici che i cittadini si aspettano ed esigono dai loro rappresentanti.

I consiglieri di maggioranza
Arrigo
Corpora
D’angelo
Di Maio
Militello

La replica del consigliere Fabio Comella 

IL PARADOSSO DELLA MAGGIORANZA… MENTE SAPENDO DI MENTIRE!
In nessun altro modo si puo’ commentare cotanta demagogia e distorsione della realtà…

– cercando di fare passare il messaggio di una commissione studio che a detta loro ha un costo di 24000 euro…
NIENTE DI PIU’ FALSO!

– cercando di fare passare il messaggio che e’ un inutile doppione della 4° commissione consiliare permanente …
NIENTE DI PIU’ FALSO !!
AGGIUNGO
nelle commissioni consiliari permanenti i capigruppo non votano ! non partecipano al dibattito! ergo … non si confrontano congiuntamente su temi, portando le istanze e partecipando in maniera attiva ! segno ampio di spazio politico e democrazia ! inoltre le commissioni consiliari permanenti non redigono relazioni finali …
Mi viene da esclamare .. Nemmeno le basi !!! Non gli sara’ arrivato il regolamento del Consiglio Comunale , dove tutto cio’ e’ chiaramente espresso !!

Ma in aula , luogo preposto al dibattito , i cofirmatari dell’articolo della “maggioranza” ( tranne uno ,perche’ assente ) ,NON HANNO ESPRESSO NEMMENO VOTO COESO …. In quanto il bilancio finale della votazione e’ stato per la maggioranza , di 2 voti contrari ( Di Maio / D’angelo) e 2 voti Astenuti ( Corpora , Arrigo) …

Evidentemente si saranno convinti ad approvare tale comunicato , chiaramente fazioso , SUL TRAGITTO DI CASA !

alla maggioranza “CONFUSA” auguro BUON LAVORO

 





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *