Guardia di Finanza Termini Imerese: nascondevano 10 chili di cocaina tra i mandarini, due arrestati

Condividi questo articolo




I Finanzieri del Comando Provinciale di Palermo hanno sequestrato 10 chili circa di cocaina, trasportata da un furgoncino sottoposto a controllo nei pressi dello svincolo autostradale di Buonfornello in direzione Palermo.

Nell’ambito dell’intensificazione del dispositivo di controllo territoriale volto alla verifica del rispetto degli obblighi imposti dalla normativa connessa all’emergenza epidemiologica da COVID 19, ieri sera una pattuglia delle Fiamme Gialle del Gruppo di Termini Imerese ha proceduto al controllo di un mezzo commerciale identificando gli occupanti C. B. (cl. 71) e G.G.A. (cl. 76), originari rispettivamente di Gioia Tauro (RC) e Aosta, i quali si mostravano da subito particolarmente nervosi cercando di sviare gli operanti nelle attività di controllo, adducendo motivazioni poco chiare circa la destinazione della merce trasportata, inoltre, priva di idonei documenti di trasporto.

Le ulteriori attività di ispezione del mezzo, eseguite anche con l’ausilio delle unità cinofile in forza al Gruppo Pronto Impiego di Palermo, prontamente intervenute,permettevano di rinvenire, grazie al fiuto dei cani antidroga, Elisir e Fmia, abilmente occultati in un carico di copertura costituito da diverse cassette di mandarini, diversi involucri di plastica trasparente sottovuoto contenenti complessivamente 10,6 kg di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

Lo stupefacente se immesso sul mercato avrebbe fruttato al dettaglio oltre un milione di euro.

I soggetti arrestati sono stati condotti presso la casa circondariale “Cavallacci” di Termini Imerese, a disposizione della Procura della Repubblica termitana

Continua incessante l’attività della Guardia di Finanza a contrasto dei traffici illeciti, per la tutela della sicurezza economico finanziaria dei cittadini. mantenendo alta la guardia rispetto al fenomeno del traffico di stupefacenti, primaria fonte di finanziamento anche della locale criminalità organizzata.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *