Chiusure e restrizioni domeniche e festivi per bar e pasticcerie, Lentini: “Scelta scellerata e illogica”

Condividi questo articolo



«L’ultima ordinanza emanata dal Presidente della Regione (clicca qui per approfondire), che prevede per la Sicilia la chiusura dei negozi la domenica e nei giorni festivi, manifesta evidenti tratti di illogicità che rischiano di devastare alcuni comparti già messi in ginocchio dalla pandemia».

Lo dichiara il deputato regionale di Ora Sicilia, Totò Lentini, che esplicita la sua posizione di contrarietà rispetto al divieto di vendita per asporto di prodotti di bar e pasticcerie: «Al Presidente Musumeci chiedo chi gli abbia suggerito la chiusura di bar e pasticcerie la domenica e nei festivi, momenti fondamentali in cui queste attività concentrano buona parte del proprio processo di produzione e di vendita. L’ordinanza in questione non tiene minimamente in considerazione che per queste attività economiche la domenica è un momento fondamentale, se non proprio vitale. Ritengo miope – aggiunge il deputato – una “strategia” che non parta da una sostanziale presa di coscienza di quelli che sono gli aspetti peculiari e le tendenze di consumo della nostra economia.

Pur essendo – conclude Lentini – un convinto sostenitore della necessità di dover trovare un equilibrio, non facile, tra diritto alla salute, diritto alla socialità e implicazioni economiche, penso, senza troppi giri di parole, che tenere aperte tabaccherie ed edicole e chiudere o vietare la vendita per asporto, la domenica, a bar e pasticcerie sia una soluzione >scellerata e priva di qualsiasi logica».




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *