Ospedale Cefalù: positivi al Covid 19 sette operatori ed un paziente

Condividi questo articolo






Tutto il personale della Fondazione Giglio e i pazienti saranno sottoposti nuovamente a tampone naso-faringeo dopo la diagnosi di positività al Covid-19 su un infermiere dell’area di riabilitazione. La decisione è stata assunta dalla direzione strategica della Fondazione Giglio di Cefalù che ha deciso di sospendere l’attività sanitaria non urgente sino a lunedi. In 72 ore dovrebbero essere ultimati tutti i tamponi.

“L’obiettivo – spiega la direzione strategica – è rimettere l’ospedale in sicurezza e garantire la ripresa a pieno regime di tutte le attività”.

L’infermiere, risultato positivo al Covid-19, residente in un comune delle Madonie, dove vi sarebbero stati altri casi, aveva fatto il suo ultimo ingresso in struttura il 2 ottobre sino a tornare, ieri, in modalità drive in,  per il tampone, all’apparire dei sintomi febbrili. Due sono di Campofelice di Roccella (clicca qui per approfondire).

Lo screening sul personale e pazienti, già iniziato con i primi 130 tamponi effettuali nell’area di riabilitazione dove l’infermiere presta servizio, ha consentito di individuare un solo paziente positivo, posto in isolamento e in procinto di essere trasferito in un ospedale Covid, oltre a sette sanitari (1 fisioterapista, 4 operatori socio sanitari e 2 infermieri incluso il primo) sempre dello stesso reparto.

Il reparto è già stato sanificato e il personale positivo, tutto asintomatico, è stato inviato in quarantena nelle proprie residenze.

La direzione strategica ha comunque deciso di sospendere le attività non urgenti sino a lunedi  “per ripartire in sicurezza”. “Ci scusiamo, pertanto con i nostri pazienti – sottolineano – per eventuali disagi che saranno chiamati a sostenere con lo slittamento di alcune prestazioni”.

Il centro prenotazioni ricontatterà i pazienti interessanti dalla momentanea sospensione delle attività e riprogrammerà le visite specialistiche e i ricoveri.

In dettaglio, sino a lunedì, saranno sospese tutte le attività programmate con il servizio sanitario nazionale e in solvenza quindi i nuovi ricoveri e i pre-ricoveri e l’ambulatoriale. La direzione sanitaria in raccordo con le unità operative procederà, inoltre, alla dimissione protetta di alcuni pazienti con tamponi in uscita.

Tutta l’attività in urgenza, quindi di pronto soccorso e oncologica prosegue regolarmente come nella fase1 del Covid-19.

“Il personale di Giglio – ha sottolineato la direzione strategica – viene sottoposto con cadenza quindicinale, sin dall’inizio della pandemia, ai controlli “covid-19” quindi sierologico e successivo tampone”.

La direzione della Fondazione Giglio ha, infine, invitato i pazienti ad effettuare le prenotazioni solo online o al cup telefonico (0921920502)

 
Di seguito riportiamo il comunicato diffuso su Facebook dal sindaco Rosario Lapunzina:
 
Informo i cittadini che da un primo accertamento sono risultati positivi al Covid sette operatori sanitari dell’Ospedale Giglio (non residenti a Cefalù), i quali sono stati posti in quarantena presso le proprie abitazioni.
E’ risultato inoltre positivo al Covid-19 un paziente che sta per essere trasferito in un Ospedale Covid.
Il Direttore Sanitario mi ha assicurato che la Fondazione Giglio sta assumendo tutti i necessari provvedimenti cautelativi per tutelare la salute dei pazienti e del personale del Nosocomio.
INVITO TUTTI AD INDOSSARE LA MASCHERINA, A RISPETTARE LA DISTANZA INTERPERSONALE EVITANDO CONTATTI DIRETTI E A IGIENIZZARE SPESSO LE MANI.
L’Amministrazione comunale informa che per qualsiasi necessità è attivo il numero verde 800208129 e il numero whattsapp 3356315676.

 











Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *