Aliminusa: il candidato sindaco Filippo Dolce presenta assessori e lista

Condividi questo articolo






Dopo la presentazione della lista (Clicca qui per vedere i nomi dei candidati al consiglio comunale), il candidato sindaco Filippo Dolce presenta gli assessori. Si tratta di Angela Maria Runfola e Filippo Cicero.

La presentazione ufficiale avrà luogo questa sera (17 Settembre), alle ore 21, in via Rimembranze. Interverrà il presidente del Movimento Dott. Giuseppe Pecoraro ed il candidato sindaco Dolce. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare rispettando il distanziamento fisico ed indossando la mascherina. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito internet dove si può anche leggere il programma elettorale
https://www.insiemeperaliminusa.com/

Il candidato sindaco, Filippo Dolce, oggi primo cittadino di Aliminusa, contattato dalla nostra redazione ha così commentato: “Stasera apro la campagna elettorale per presentare la lista del mio gruppo politico Insieme per Aliminusa. Il mio gruppo politico ha più di 20 di storia sempre con lo stesso simbolo e gli stessi valori. Prima viene l’uomo e poi viene l’ideologia politica. Abbiamo garantito in questi anni una gestione amministrativa all’insegna della legalità e della trasparenza.

La mia giunta è stata coesa e li ringrazio ad uno ad uno per il lavoro di squadra svolto. Ringrazio anche tutto il consiglio comunale uscente per il contributo dato nell’interesse del bene comune. Spero che la campagna elettorale assolva alla sua naturale funzione confronto di idee e non scontro tra persone. Ho già designato due Assessori Filippo Cicero un artigiano del legno che si è sempre dedicato con passione alla cosa pubblica con particolare attenzione al sociale ed al volontariato. Ed Angela Maria Runfola una giovane e brillante dottoressa in giurisprudenza che ha maturato in questi 5 anni da capogruppo in consiglio comunale una forte esperienza che gli permetterà di svolgere il ruolo di Assessore con assoluta competenza”.

 

Gli assessori designati 


Articolo a cura di Giuseppe Mesi











Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *