Al via la Naspi per i lavoratori dell’ex indotto Fiat di Termini Imerese

Condividi questo articolo



Arriva la buona attesa notizia per i lavoratori dell’indotto ex Fiat di Termini Imerese: rinnovata la Naspi per questi operai che da mesi vivevano nello sconforto e nella disperazione. Si tratta degli oltre 140 operai, licenziati delle aziende dell’indotto e dei servizi, quali la SSA e la Manital, in tutto 62, a cui è scaduta nel 2019 la mobilità in deroga espletata appositamente per le aree di crisi complessa, e la Bienne Sud con 70 dipendenti a cui è scaduta la Naspi lo scorso 2 marzo.

La notizia è stata resa nota dalla senatrice di Termini Imerese, Antonella Campagna.

Il comunicato della senatrice M5S Antonella Campagna

«La tutela dei lavoratori è uno dei temi principali che ogni giorno affrontiamo nella commissione della quale mi onoro di essere componente.
Tutti stiamo vivendo un periodo molto delicato sotto diversi punti di vista, ma c’è chi ha pagato più di altri il prezzo di questa grave pandemia.
Tra questi, i lavoratori dell’indotto di Termini Imerese rimasti da mesi senza alcun tipo di sussidio.


Con il Governo e, in primis, con il mio Ministro di riferimento, Nunzia Catalfo, abbiamo lavorato alacremente ed incessantemente per garantire a tutti un sostegno in questi difficili mesi di lockdown. Purtroppo la burocrazia e i disguidi, ma spesso anche, e lo dico senza timore di smentita, l’incapacità di certi uffici regionali, hanno allungato i tempi di autorizzazione ed erogazione dei sussidi, provocando il legittimo malcontento di chi non aveva le risorse minime per mantenere la propria famiglia.

Oggi, finalmente, sono iniziati i pagamenti della Naspi per i lavoratori, che ringrazio sempre per la compostezza, la comprensione e la pazienza dimostrate. Una boccata d’ossigeno per la quale va il mio doveroso ringraziamento al ministro Catalfo ed al presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, sempre attenti e solleciti ai problemi di questi lavoratori.
Adesso riprendiamo la battaglia per la mobilità. Forza ragazzi, sono con voi!».






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *