Meteo weekend, su Termini Imerese prosegue l’instabilità atmosferica

Condividi questo articolo






Anticiclone: ancora instabilità atmosferica anche su Termini Imerese e nei comuni della provincia di Palermo

Non accenna ad esaurirsi la fase di instabilità atmosferica che interessa le nostre regioni meridionali; l’assenza dell’anticiclone sub-tropicale che solitamente caratterizza le estati mediterranee e l’azione di un flusso d’aria relativamente fredda per il periodo rinnoveranno un quadro meteorologico improntato alla spiccata variabilità. Dopo i forti temporali che mercoledì hanno interessato la Sicilia e parte della Calabria, venerdì sarà la volta della Campania, sulle cui aree interne giungeranno piogge e rovesci pomeridiani. Nel weekend le precipitazioni si trasferiranno all’estremo Sud, interessando la Calabria e la Sicilia tirrenica ed orientale, sottoforma di rovesci intermittenti e locali temporali. La perturbazione sarà seguita da venti da Nord e temperature in calo, con valori inferiori alle medie climatiche del periodo più caldo dell’anno; da segnalare inoltre un graduale incremento dell’intensità del moto ondoso di tutti i nostri mari.

VENERDI’: i massimi dell’anticiclone permangono relegati tra il vicino Atlantico e la Penisola Iberica; frattanto una goccia fredda in quota attiva sull’Europa centro-orientale estende la sua influenza sull’Italia a partire dall’alto versante adriatico. In questo contesto sinottico, umide correnti occidentali raggiungono Campania, Calabria e Sicilia, apportando ancora qualche banco nuvoloso a carattere sparso e irregolare sulle province tirreniche. Al pomeriggio avrà luogo lo sviluppo di addensamenti cumuliformi a ridosso dei principali comprensori montuosi, ivi con brevi e locali acquazzoni su Appennino campano, Cilento, Sila, Sicani e Monti di Palermo. Temperature senza variazioni significative. Venti prevalentemente occidentali, tendenti a ruotare da N-NE nella seconda parte del dì sulla media e alta Campania. Mari: da mosso a molto il Canale di Sicilia, mosso il Tirreno, poco mosso lo Ionio.

SABATO: l’approfondimento di una goccia fredda in quota tra Adriatico e Balcani determina una generale recrudescenza dell’instabilità sulle nostre regioni meridionali. Fresche e umide correnti nordoccidentali raggiungono Campania, Calabria e Sicilia, apportando sin dal mattino annuvolamenti e locali acquazzoni sul basso versante tirrenico. Al pomeriggio avrà luogo lo sviluppo di nuovi rovesci temporaleschi nelle aree interne a ridosso dei principali comprensori montuosi. Temperature in calo. Venti in rotazione da N-NO. Mari: poco mosso lo Ionio sotto costa, mossi gli altri bacini.

DOMENICA: un campo di alte pressioni abbraccia la Regione garantendo tempo stabile ed assolato ovunque. Nello specifico su litorale tirrenico e sull’area dello Stretto giornata in prevalenza poco nuvolosa, salvo presenza di nubi sparse al mattino; su litorale ionico e sull’Appennino settentrionale cieli in prevalenza poco nuvolosi o parzialmente nuvolosi, salvo maggiore variabilità  nelle ore centrali della giornata; sull’appenino centro-meridionale nubi sparse alternate a schiarite per l’intera giornata con tendenza ad ampi rasserenamenti in serata. Venti deboli settentrionali in attenuazione; Zero termico nell’intorno di 4150 metri. Ionio mosso; Basso Tirreno poco mosso.

 

Fonte 3bmeteo.com










Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *