Cerda: avvolta nel mistero la scomparsa di Carlo La Duca, nuovo appello a Chi l’ha visto?

Condividi questo articolo

La scomparsa di Carlo La Duca dura oramai da più di un anno. Parla la mamma, la moglie e l’avvocato termitano Salvatore Pirrone

Condividi questo articolo






La scomparsa di Carlo La Duca, giovane cerdese di 38 anni, residente a Termini Imerese, dura ormai da più di un anno e la questione sembra essere avvolta nel mistero. Raffaella Griggi della trasmissione “Chi l’ha visto?” è tornata in Sicilia per intervistare la mamma di Carlo, Luana, la moglie e l’avvocato del foro di Termini Imerese, Salvatore Pirrone. Entrambe le donne hanno rinnovato il loro appello per Carlo.  Luana, ancora legalmente moglie di Carlo, nonostante i due fossero separati da qualche tempo, ha detto di volergli ancora bene e che lo aspetta a casa. La donna, la settimana scorsa, come atto dimostrativo, si è incatenata davanti al tribunale di Termini Imerese, affinchè si faccia chiarezza sulla scomparsa dell’uomo. Per la scomparsa di Carlo è ancora aperto un fascicolo per sequestro di persona. Restano ancora secretati gli atti e i tabulati telefonici. Dopo più di un anno, ancora non si è riuscito a capire a chi ha chiamato Carlo per l’ultima volta la mattina di giovedì 31 gennaio 2019 e quando ha fatto l’ultima telefonata. Sta di fatto che l’uomo, dalle 8:11 del giorno della scomparsa, dopo aver scambiato dei messaggi con la sua nuova compagna, non si collega più a whatsapp. Da quel momento, di lui, nessuna notizia. 

L’avv. Salvatore Pirrone

«La famiglia di Carlo La Duca ha sempre avuto fiducia nel lavoro degli inquirenti ma oggi, trascorso oltre 1 anno e mezzo dalla misteriosa scomparsa, desidera avere finalmente risposte chiare, vuole che emerga la verità e che, se ci sono dei responsabili, paghino». 

Questo il commento del legale della famiglia, Salvatore Pirrone

 

 

Il video della puntata “Chi l’ha visto?”

 

 

 

Fonte Chi l’ha visto?








Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *