Covid-19: Il Festino che non c’è, Palermo e Santa Rosalia in un video

Condividi questo articolo

Il 14 luglio niente corteo storico ma documentario in onda in tv: questo sarà il Festino di Santa Rosalia 2020, anno del Covid-19. 
Resterà sicuramente nella storia questa edizione del Festino dedicato alla Santuzza di Palermo

Condividi questo articolo






Il 14 luglio niente corteo storico ma documentario in onda in tv: questo sarà il Festino di Santa Rosalia 2020, anno del Covid-19. 
Resterà sicuramente nella storia questa edizione del Festino dedicato alla Santuzza di Palermo. Nessun carro, nessuna processione, zero spettacoli e fuochi d’artificio. Quest’anno nelle strade di Palermo non si vivrà la grande emozione dell’incontro tra la Santuzza e i suoi fedeli.

Il Festino multimediale

 Non ci sarà la sfilata per il festino nell’anno del Covid. Forse un corteo si svolgerà a settembre nel secondo giorno dell’anno dedicato alla Santuzza di Palermo, sempre che i dati lo consentano.

Un Festino che non c’è, ma c’è comunque anche se in un modo diverso è quello che si apprestano a festeggiare i palermitani. Le limitazioni imposte dal contrasto al Covid-19 hanno infatti impedito l’organizzazione di quasi tutti i momenti laici e religiosi che tradizionalmente caratterizzano il periodo precedente alle celebrazioni in onore di Santa Rosalia.

Il 14 e il 15 luglio sono infatti di solito due giornate ricche di eventi per la Santuzza. L’Assessorato alle Culture del Comune, in sinergia con la Curia Arcivescovile non ha comunque rinunciato a pianificare eventi in presenza e digitali in onore della Santa Patrona.
Il “momento” principale sarà tradizionalmente la sera del 14, quando alle 22 andrà in onda contemporaneamente su diverse emittenti televisive locali e nazionali il film “Palermo Sospesa- il Festino che non c’è” la cui realizzazione è stata affidata alla sezione siciliana del Centro Sperimentale di Cinematografia, diretto da Costanza Quatriglio che curerà la regia.

Alla realizzazione del film, che durerà circa 75 minuti suddivisi in tre parti, contribuiscono anche l’Istituto Luce e Rai Teche che hanno messo a disposizione il proprio materiale d’archivio, così come hanno fatto tanti fotografi e cineasti che hanno donato il proprio materiale per sottolineare il contributo collettivo e di comunità da cui nasce questo progetto.

La dichiarazione dell’arcivescovo di Palermo

Abbiamo vissuto un momento particolarissimo che ci ha visto nella massima trepidazione, nella precarietà, nella separazione – ha detto l’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice -. La separazione ci ha chiesto di moltiplicare la solidarietà e la prossimità. Penso che questo sia il messaggio che arriva da questo Festino atipico: quello di rimanere uniti”.

La dichiarazione del Sindaco di Palermo

 “Il Festino 2020 conferma nei valori e innova nella rappresentazione la devozione per Santa Rosalia e la fede dei palermitani –afferma Leoluca Orlando, sindaco di Palermo-. Il Festino 2020 è diverso come dal 1624 ogni Festino è diverso, ma è anche come ogni anno sempre eguale. Questo Festino 2020 si fa espressione, confermando ancora una volta la dimensione comunitaria di tutti i palermitani pur nel distanziamento fisico”.