I circoli della Lega dei Meridionali approdano a Termini Imerese

Condividi questo articolo






Raimondo Gueli e Giuseppe Seminara hanno aderito al movimento civico Circoli della Lega dei Meridionali e sono stati nominati responsabili dello stesso per la città di Termini Imerese. Questo movimento, nato nel gennaio del 2019, si pone in competizione con i partiti tradizionali per soddisfare le esigenze e le aspirazioni dei meridionali spesso dimenticati dalle altre forze politiche.

In merito alla nomina dei due, la coordinatrice regionale dei suddetti Circoli, Avv. Anna Zizzo, dichiara: «Ho voluto dare fiducia a chi realmente si è sempre speso per il territorio e dunque per i propri concittadini. Raimondo Gueli e Giuseppe Seminara sono in linea con il nostro modo di fare politica, che è quello di includere e valorizzare la propria città, anteponendo il bene collettivo agli interessi personali».

Gueli e Seminara affermano: «Innanzitutto vogliamo ringraziare l’Avv. Anna Zizzo e il presidente dei Circoli, Dott. Salvatore Albelice, per la stima e per la fiducia mostrate nei nostri confronti.
Ci preme inoltre sottolineare che questo nuovo percorso non ha nulla in comune con la nefasta esperienza vissuta nel partito politico Lega Salvini Premier, dal quale pochi giorni fa ci siamo dimessi, a causa di un evidente disinteresse del partito verso la città di Termini Imerese. Anzi, nel pieno rispetto dello statuto Circoli della Lega dei Meridionali, la sfida che ci apprestiamo ad affrontare e, con tutte le nostre forze, cercheremo di vincere è quella di rilanciare la nostra città con idee e proposte da concretizzare attraverso pratiche di buongoverno.
Per tale ragione, nei giorni seguenti, inizieremo a lavorare in vista delle prossime elezioni amministrative, aprendo una fase di dialogo, ascolto e confronto fattivo con tutti cittadini termitani onesti, capaci e competenti, al fine di coinvolgerli in prima persona nella costruzione di un serio, credibile e lungimirante progetto di sviluppo della nostra città e del nostro territorio».

 

 









Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *