Donate attrezzature per 28mila euro al Covid Hospital di Partinico

Condividi questo articolo

Ha raccolto poco più di 28 mila euro promuovendo un’iniziativa benefica sulla piattaforma GoFundMe a favore del Covid Hospital

Condividi questo articolo





 Ha raccolto poco più di 28 mila euro promuovendo un’iniziativa benefica sulla piattaforma GoFundMe a favore del Covid Hospital di Partinico.

Giovanni D’Agostino è un medico anestesista del nosocomio che si occupa della cura dei pazienti affetti da corononavirus, ma l’iniziativa l’ha promossa da “semplice cittadino” ed a titolo personale.
Hanno aderito, tra gli altri, Curia Arcivescovile di Monreale e Confraternite con Sua Eccellenza, Mons. Michele Pennisi ed il presidente delle Confraternite, Valentino Mirto; Rotaract Distretto Sicilia Malta; Rotaract Club Montepellegrino; Lions Club Partinico; Lions Club Palermo Normanna; Associazione Borgetto club; Liga Fanta sicula; Associazione Fantacalcio Cricchetto Vive; Associazione Fantacalcio Fantalcamo; Associazione Hyccarus, Notai Riccobono-Bonomo-Di Vitale, studio associato; Agroalimentari Sciacca; singoli cittadini ed imprenditori locali.

La raccolta fondi ha consentito di acquistare e donare all’Ospedale di Partinico materiale utile per arricchire la dotazione tecnologica della struttura, tra cui 5 stetoscopi wireless Ekuore (che consentono di auscultare il paziente in totale sicurezza, utilizzando uno smartphone al posto delle tradizionali “olivette”); 5 pulsossimetri; un ecografo; un videolaringoscopio McGrath (donato dal Distretto Rotaract Sicilia Malta); mascherine FFP2 e FFP3; Visiere, occhiali e tutine.

“Ringraziamo tutti coloro i quali hanno aderito all’iniziativa benefica a favore dell’Ospedale di Partinico – sottolinea la direzione strategica dell’Asp di Palermo – l’intera comunità ha risposto con slancio a testimonianza della sensibilità e della condivisione di intenti nella lotta alla pandemia da coronavirus. Siamo, davvero, grati a tutti coloro i quali hanno manifestato disponibilità diventando parte attiva dell’arricchimento tecnologico della struttura”. 








Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *