Coronavirus, in Sicilia oltre 20 mila interventi della Seus 118

Condividi questo articolo





Il report, curato da Giuseppe Lombardi, responsabile del servizio di prevenzione e protezione della società consortile che cogestisce il servizio di emergenza-urgenza in Sicilia, tiene conto dei trasporti relativi ai codici di tipo respiratorio ed inerenti a stati febbrili dichiarati e comprende anche i trasferimenti dei pazienti contagiati dalle Rsa ai Centri Covid.

Non sono compresi gli interventi nei quali il codice di identificazione è mutato all’arrivo al pronto soccorso, una casistica che si stima possa incidere tra il 13 e il 16 per cento del totale dei casi gestiti dalla Seus nel periodo indicato. Nel bacino di Palermo e Trapani gli interventi del 118 per casi di Coronavirus sospetti o conclamati sono stati fino al 26 aprile 5.655, in quello di Catania-Siracusa-Ragusa 7.662, ad Agrigento-Caltanissetta-Enna 1.015 e a Messina 687.

Dal CdA della Seus, composto dal presidente Davide Croce, Pietro Marchetta e Tania Pontrelli, sottolineano: “Siamo orgogliosi di tutti i nostri operatori e del lavoro che stanno svolgendo coniugando spirito di sacrificio e notevole professionalità. Il sistema di emergenza-urgenza 118 in Sicilia in tutte le sue componenti sta garantendo un servizio efficiente e tempestivo anche in occasione di una pandemia senza precedenti”.

Inoltre la Seus ha dimezzato già da metà marzo i tempi necessari per la sanificazione delle ambulanze: ciò è stato possibile grazie alla dotazione di un sistema ad azione fotocatalitica, con 30 sanificatori ad azione combinata tramite lampade UV e lampade germicide all’interno delle unità di purificazione d’aria.

Un’ambulanza può essere sanificata in metà del tempo rispetto a prima, cioè circa mezzora invece di un’ora, e con risultati qualitativamente superiori”, sottolinea Dino Alagna, coordinatore sanitario della Seus, mentre Lombardi aggiunge: “Siamo stati i primi nell’emergenza-urgenza italiana a dotarci di questi sanificatori ad azione combinata e fotocatalitica, in grado di rimuovere particelle aerotrasportate di dimensioni di 0,0001 micron- meglio di qualsiasi filtro Hepa- e che possono essere utilizzati anche per gli ambienti di lavoro”.








Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *