Covid-19: a Palermo l’iniziativa #restateacasanostra, abitazioni gratis per gli operatori sanitari

Condividi questo articolo

La macchina della solidarietà si è attivata anche per tutti gli operatori del mondo della sanità che in tempo di emergenza coronavirus temono di rientrare a casa e contagiare i propri cari.

Condividi questo articolo






La macchina della solidarietà si è attivata anche per tutti gli operatori del mondo della sanità che in tempo di emergenza coronavirus temono di rientrare a casa e contagiare i propri cari.

Per questo a Palermo, i titolari di Sofia’s House, che normalmente si occupano della gestione di immobili destinati esclusivamente ad uso turistico, hanno dato la propria adesione ad un’iniziativa tanto nobile quanto necessaria: “Restate a casa…Nostra”.

Anche loro, che si sono fatti portavoce di questa iniziativa, hanno in qualche modo riconvertito la loro azienda, coinvolgendo i proprietari dei diversi appartamenti che in altri tempi li davano in affitto per brevi periodi ai turisti. Oggi invece tornano utili per tutti i medici, infermieri e i tanti operatori di questo mondo che continuano a garantire la salute di tutti nonostante i rischi a cui vanno incontro giornalmente.

I nostri appartamenti saranno a disposizione di medici, infermieri, operatori sanitari e chiunque lavori nel difficile campo della sanità, gratuitamente, per periodi più o meno lunghi, così da poter contribuire ad aiutare gli eroi di tutti i giorni, che lavorano per noi e con noi”, scrivono nel proprio sito i titolari di Sofia’s House.

Le uniche spese da rimborsare saranno le spese di pulizia e sanificazione e le utenze che, grazie alle nostre tecniche di risparmio energetico, saranno comunque minime. Un piccolo gesto può fare la differenza e può far sentire a casa anche quando si è lontani e spaventati”, aggiungono.

Siamo felici di poter fare la nostra parte per supportare il personale medico. In questo momento difficile per la Sicilia e tutto il Paese, possiamo non essere semplici spettatori: ogni realtà, pubblica o privata, può agire con sensibilità e concretezza per dare il proprio contributo”, concludono.

Tante le attestazioni di gratitudine dimostrate da parte degli operatori sanitari che in questo modo limitano la eventuale diffusione del contagio e possono così tutelare anche i loro cari.

#Restateacasanostra sarà un’iniziativa aperta fino al 30 aprile 2020, con la possibilità di un’ulteriore proroga in caso l’emergenza dovesse protrarsi.

Per ulteriori informazioni questo il numero di telefono 388 1769804.











Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *