Il commosso ringraziamento del termitano Andrea Minà: “Grazie ai vigili del fuoco che hanno ridato dignità a mia mamma”

Condividi questo articolo



“Un grandissimo caloroso abbraccio va a loro, i vigili del fuoco, che questa mattina si stanno impegnando nel ritirare tutti i rifiuti a casa di mia mamma e nella sanificazione di tutta l’area – ha raccontato Andrea Minà, il primo termitano risultato positivo al Covid 19, che ora vive il dramma della mamma, anche lei positiva al Coronavirus, chiusa a casa da sola, fino a ieri abbandonata -.
Dove non funzionano le istituzioni, la protezione civile e il comune di Palermo, loro ci sono sempre senza pensare minimamente spetta o non spetta a noi… E quando tutto sarà finito consegnerò personalmente una targa al dipartimento per il loro grande celere e sempre impegno per i cittadini sempre col cuore e nel cuore siete meravigliosamente grandi.

Giusto ieri, chiamo ancora per l’ennesima volta il 112 che non mi passa la chiamata, su mia richiesta, alla sala operativa dei vigili del fuoco perché hanno ritenuto non di competenza di questo dipartimento l’emergenza di rimuovere rifiuti speciali contaminati a casa di una anziana donna da oltre 20 giorni, ed è a questo punto che cerco su internet un contatto diretto con la sala operativa e mando una pec con richiesta di aiuto e, dopo solo qualche ora, mi contattano e mi dicono che si stanno impegnando al caso.

Ore 22 circa mi ricontattano e mi dicono domani mattina andremo da sua mamma e così hanno fatto: ancora una volta grazie di cuore per aver fatto in meno di 24 ore quello che il comune di Palermo e l’ASP non hanno fatto in 20 giorni. Inoltre, stamattina li ringrazio e mi dicono: nostro dovere, noi siamo sempre al servizio della popolazione! Non sono riuscito a trattenere le lacrime! Loro insieme al 118 e ai medici in questo momento di grande bisogno sono la nostra vera speranza”.

Il caso del termitano e della mamma è stato trattato anche nel programma “Le iene” di Italia Uno





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *