Quarantena, “40” per i teologi vuol dire “cambiamento”

lockdown
Condividi questo articolo



La quarantena

40 giorni è durato il diluvio universale

40 anni è durato l’esodo

40 giorni di digiuno nel deserto dove Gesù è stato tentato.

E per 40 giorni Gesù apparve al suo popolo dopo la crocifissione e resurrezione. E come i 40 giorni consigliate alla donna dopo aver partorito, 40 sono i giorni di gestazione. I teologi sostengono che il numero 40 rappresenti “cambiamento”, il tempo necessario a un popolo o ad una persona perché qualcosa cambi.

Il mondo sta respirando, le acque dei mari dei fiumi sono più limpide, il cielo offre le sue stelle più belle, meno furti, omicidi e violenza. Le famiglie si stanno ritrovando.

Nella Bibbia ogni volta che appare il numero 40 è sinonimo di cambiamento e la nostra quarantena obbligatoria, da Covid19, alla fine di tutto sarà una benedizione che Dio darà alla nostra vita. Una attenta riflessione ci porta a notare che siamo nel 2020 che è uguale a 20+20=40.

 





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *