Il “time out” della quarantena da Coronavirus

Condividi questo articolo



La diffusione del Covid 19 e le misure restrittive adottate dal governo nazionale hanno cambiato la vita degli italiani in poco tempo. Alcuni esperti psicologi sostengono che i periodi di quarantena danno sintomi associabili a quelli da stress post-traumatico, con momenti che si alternano a confusione, paura, ansia, sconforto a periodi di grande euforia.

Anche se è stato gridato a gran voce #andràtuttobene attraverso i social e i tanti  flash mob, il pensiero non sempre è positivo, perchè siamo consapevoli che ci vorrà ancora un po’ di tempo per tornare alla normalità. Gli esperti asseriscono che alcuni soggetti non conoscono abbastanza le proprie e quindi bisogna affrontare il momento con serenità per non sprofondare in momenti di buio assoluto. Viviamo come in una crisalide. Il nostro time out in cui ci si ferma per recuperare le forze e capire cosa fare per tornare a nuova vita.

Lo sconforto tocca il nostro essere con il proprio io. C’è da dire, comunque, che questo tempo ha generato tutto nel darsi un’altra possibilità di organizzare la personale vita quotidiana in progetti creativi, culinari e tanto altro, dunque “un tempo sospeso” dove possiamo essere tutto.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *