Coronavirus: l’ordinanza del sindaco di Caccamo

Condividi questo articolo



Registro generale n. 13 del 25-02-2020
Oggetto: MISURE URGENTI PER EVITARE LA DIFFUSIONE DEL COVID-19 (C.D. CORONAVIRUS) PER TUTTI COLORO
CHE RIENTRANO DA SOGGIORNI NEI TERRITORI INTERNAZIONALI, COMUNITARI E NAZIONALI CON FOCOLAI E
SOGGETTI A MISURE RESTRITTIVE.
I L S I N D A C O
IL SINDACO
VISTO il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 45 del 23 febbraio 2020;
ATTESO che l’articolo 2 “Ulteriori misure di gestione dell’emergenza” del suddetto decreto-legge recita: «Le
autorità competenti possono adottare ulteriori misure di contenimento e gestione dell’emergenza, al fine di
prevenire la diffusione dell’epidemia da COVID-19 anche fuori dai casi di cui all’articolo 1, comma 1.»;
VISTO il costante evolversi della diffusione del COVID-19 (Coronavirus) e nell’attesa di eventuali note
ufficiali da parte degli organi competenti, con i quali questa Amministrazione é in costante contatto, in via del
tutto precauzionale e per minimizzare i rischi derivanti;
RITENUTO, necessario, attivare ogni misura utile a fronteggiare il propagarsi della situazione
epidemiologica;
Visto l’articolo 50, commi 5 e 6 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 “Testo Unico sull’Ordinamento
degli Enti Locali”, come introdotto nell’ordinamento regionale;
O R D I N A
a chiunque acceda nel territorio del Comune di Caccamo proveniente dalla Cina, dai territori internazionali,
Comunitari e dai Comuni Italiani dove si sono riscontrati focolai e sono stati emessi provvedimenti ed
ordinanze restrittive alla libera circolazione con obbligo di quarantena, di non uscire da casa e di non avere
contatti con altre persone per almeno 14 giorni dall’ingresso nel territorio comunale e di seguire i protocolli e
le disposizioni del Ministero della Salute e degli Enti preposti.
SI R A C C O M A N D A
a tutti, in caso di sospetta malattia, di non recarsi in studi medici o Pronto Soccorso degli Ospedali, ma di
contattare il proprio Medico di famiglia o chiamare il 112 ovvero per chiarimenti e/o informazioni il numero
1500 messo a disposizione dal Ministero della Salute.
O R D I N A
a tutte le Forze dell’Ordine operanti sul territorio di fare osservare la presente ordinanza fino a nuove
disposizioni.
La presente ordinanza viene trasmessa alla Prefettura -UTG di Palermo, alla Questura di Palermo, al
Commissariato di Pubblica Sicurezza di Termini Imerese, alla Legione Carabinieri “Sicilia” -Stazione di
Caccamo, al Comando di Polizia Municipale, all’Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo e al Distretto
Sanitario di Termini Imerese.
Dalla Residenza Municipale, 25 febbraio 2020.

ordinanza Covid 19





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *