I carabinieri recuperano hashish e ottomila euro: merito del fiuto del cane Ron

Condividi questo articolo






Grazie al fiuto del cane Augustus Dolomites detto Ron, i carabinieri del nucleo radiomobile con il supporto del personale del nucleo cinofili di Palermo, durante un servizio antidroga, hanno rinvenuto in una chiesa sconsacrata del centro storico, sita in vicolo Del Giglio, quasi 500 grammi di hashish e la somma di più di ottomila euro in contanti. L’infallibile fiuto del pastore tedesco, che più volte ha cercato l’attenzione operativa del conduttore, ha consentito di svelare quello che appare essere un piccolo deposito clandestino di sostanza stupefacente, lontano da occhi indiscreti.

Ron, un pastore tedesco di sei anni in forza ai carabinieri del nucleo cinofili di Palermo – che proprio stamane, in occasione di Sant’Antonio Abbate, Santo protettore degli animali, una ricorrenza molto partecipata soprattutto nelle campagne italiane, era stato benedetto dal cappellano militare della Legione Carabinieri “Sicilia”, Don Salvatore Falzone – ha così onorato al meglio la celebrazione del suo Patrono.
Proseguono le indagini dei Carabinieri di Palermo per risalire allo spacciatore o alla banda criminale che aveva la disponibilità del deposito clandestino.

 

Leggi pure:

Arrestato spacciatore grazie al cane Charlie

Cane incatenato nella notte sotto il ponte San Leonardo, salvato da un termitano FOTO E VIDEO










Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *