Come avere un telefono Android veloce e performante in pochi passi – GUIDA PRATICA

Condividi questo articolo



Prima o poi tutti ci troveremo a combattere contro la lentezza del nostro dispositivo Android. Prima di pensare alla sostituzione o di cestinare il tuo smartphone prova a velocizzarlo con questa semplice guida.

PREMESSA: È richiesto almeno Android 4.0 per eseguire correttamente i passaggi.

Vuoi sapere che versione di Android monta il dispositivo? Facile, basta recarsi in Impostazioni e recarsi sulla voce “Info sul dispositivo”. Qui potrai vedere, oltre la versione di Android installata, anche altre importanti informazioni riguardanti il software.


Usare un launcher alternativo.

A volte alcune case produttrici utilizzano launcher particolarmente pesanti che device di fascia bassa-media non riescono a reggere nel tempo, provocando inutili rallentamenti al sistema. Per ovviare a questo problema esistono launcher alternativi scaricabili anche dal Play Store.

Il mio preferito è senza dubbio Nova Launcher. È tra i più completi e non influisce pesantemente sulle risorse del sistema esso un po’ più veloce. È disponibile i due versioni, gratis e a pagamento. La differenza sta nella personalizzazione “limitata” della versione gratuita. Personalmente ho trovato completa per l’uso comune la versione gratuita e non ho sentito il bisogno di acquistarlo. Ovviamente se sentite il bisogno delle funzioni “pro” di questo launcher potete acquistare il “prime” e sbloccare tutte le funzionalità.


Disabilitare le Applicazioni Di Sistema.

Questa opzione è consigliata per tutti i dispositivi da quelli di fascia bassa-media a quelli di fascia alta che hanno bisogno di avere disponibile un po’ più di risorse.

Questa operazione velocizzerà lo smartphone “congelando” le applicazioni preinstallate e quindi liberare memoria ROM ma soprattutto abbastanza memoria RAM.

Farlo è semplicissimo! Basta andare in Impostazioni per poi recarsi nel menù Gestione Applicazioni. Qui trovi il tab contenente tutte le applicazioni. Seleziona un applicazione di sistema da disabilitare, e clicca su “Disattiva”. Potrebbe apparire un avviso che vi informa che state disattivando un applicazione di sistema, per procedere, basta premere su “OK”.


Disabilitare o ridurre le animazioni.

Quest’operazione non velocizzerà realmente il telefono ma farà si che il sistema sembri e diventi più reattivo, eliminando inutili transazioni grafiche.

Farlo è semplice, ma si necessitano le “impostazioni sviluppatore” attivate. Per attivarle nel caso nelle impostazioni non siano presenti, Recati in Impostazioni > Info Sul Dispositivo e cerca la stringa di testo “Numero di serie” (N.B. Il titolo di questa stringa potrebbe essere diversa a seconda del dispositivo). Clicchiamo un po’ volte su “Numero di Serie” finché non apparirà un avviso con la dicitura “Sei diventato uno sviluppatore”. Dal menù che è apparso nelle impostazioni ora possiamo procedere alla disattivazione o riduzione delle animazioni di sistema. Per farlo troviamo il sotto menù “disegno” e controlliamo che siano presenti tre voci:

“Scala animazione finestra”, “Scala animazione transizione”, “Scala durata animazione”. Clicchiamo su ognuna di questa voce e selezioniamo “Animazione disattivata” oppure se vogliamo solamente ridurle selezioniamo “Scala Animazione 0.5x”.

Il telefono navigando nei vari menù o avviando Applicazioni sembrerà molto più reattivo.


Utilizzare la tastiera Google.

Se si utilizzano tastiere alternative a quella di default della casa produttrice dello smartphone oppure siete alla ricerca di essa la migliore scelta è la Tastiera di Google. Questa tastiera in molti smartphone è già preinstallata, ma dove non è presente, è possibile scaricarla semplicemente dal Play Store. È la tastiera più performante e meno bisognosa di risorse di sistema presente fin’ora.


Fare un ripristino dati di fabbrica

Il ripristino dati di fabbrica cancellerà TUTTI I DATI presenti nel telefono, e se selezionata, anche i dati della Scheda SD presente nello smartphone. A volte questo ripristino aiuta a risolvere molti problemi presenti nel telefono, magari causati da i file accumulati dal sistema dopo tanto tempo di utilizzo e vari errori causati da registri di sistema o log corrotti. È preferibile farlo dopo aver aggiornato il telefono al Firmware più recente. Prima di procedere nell’operazione è importante ricordarsi di creare un Backup di tutti i dati presenti nel telefono (contatti, messaggi, foto, video, musica…) poiché l’azione è irreversibile.


Ricordiamo che i risultati che questa guida può creare sono differenti, e variano da molti fattori, come versione del software, tipo di smartphone e hardware differente. Non ci assumiamo nessuna responsabilità dall’uso improprio di questa guida.

 





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *