Sequestrati più di 100 kg di fuochi illegali denunciati 8 soggetti

Condividi questo articolo



I carabinieri delle compagnie Piazza Verdi e San Lorenzo in occasione delle festività natalizie appena trascorse e di quella prossima del capodanno hanno intensificato i controlli sul territorio per contrastare il commercio abusivo di materiali esplodenti.

Sono stati rinvenuti e sequestrati più di 100 chili di fuochi d’artificio e denunciate otto persone, nello specifico:

– in corso dei Mille sono stati identificati e denunciati per commercio abusivo di materiali esplodenti due venditori ambulanti, D.C.g. 37enne e D.S.g. 54enne che, sprovvisti di autorizzazione esponevano alla vendita svariati artifici pirotecnici;

– nel quartiere Zen 2, in un garage in uso a M.m.g. 25enne sono stati rinvenuti 88 chili di artifizi pirotecnici, con circa 20 chili di massa attiva, appartenenti a diverse categorie. Il giovane è stato denunciato per commercio abusivo di materiali esplodenti ed omessa denuncia di materiale esplosivo.

– in via Ciaculli, C.d., 62enne è stato identificato e denunciato per commercio abusivo di materiali esplodenti, omessa denuncia di materiale esplosivo e trovato in possesso di un razzo il cui uso è riservato a soggetti muniti di specifica qualifica;  

– in Corso Tukory, M.s., 23enne e G.s., 47enne sono stati identificati e denunciati per commercio abusivo di materiali esplodenti in quanto esponevano, senza autorizzazione per la vendita, il primo 3,4 chili di artifizi pirotecnici (n. 437 articoli) di vario genere ed il secondo in menzione 3,3 chili di artifizi pirotecnici;

– in via Pecori Giraldi, F.g., 27enne è stato identificato e denunciato per commercio abusivo di materiali esplodenti in quanto esponeva, senza autorizzazione per la vendita, 3,4 chili di artifizi pirotecnici di vario genere;

– in via Michelangelo, C.p., 18enne è stato identificato e denunciato per commercio abusivo di materiali esplodenti in quanto esponeva, senza autorizzazione per la vendita, alcuni artifizi pirotecnici.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *